Cesano, corsa contro il tempo per scongiurare l’esercizio provvisorio

La maggioranza di centrosinistra non ha avuto i numeri sufficienti per approvare il bilancio di previsione 2024. Una mozione d'ordine ha impedito la discussione prima dell'esaurimento delle 19 interpellanze. La minoranza ha lavorato con l'obiettivo dichiarato di bloccare la discussione.

Cesano, corsa contro il tempo per scongiurare l’esercizio provvisorio
Cesano, corsa contro il tempo per scongiurare l’esercizio provvisorio

Consiglio comunale sospeso e convocazione annullata: salta l’approvazione del bilancio di previsione 2024. I consiglieri saranno probabilmente riconvocati tra Natale e Capodanno per cercare di approvare comunque il documento di programmazione economica ed evitare la gestione in dodicesimi, che potrebbe creare qualche difficoltà agli uffici per le ridotte capacità di spesa. Il pasticcio si è consumato l’altra sera, quando la maggioranza di centrosinistra, già risicatissima a causa di diverse assenze, compresa quella del sindaco bloccato dall’influenza, non ha avuto i numeri sufficienti per votare (e respingere) una mozione d’ordine formulata dal consigliere d’opposizione Luca Bosio e sostenuta dall’intera minoranza che ha lavorato con l’obiettivo dichiarato di impedire la discussione del bilancio prima dell’esaurimento delle 19 interpellanze rimaste ancora da affrontare.

"La maggioranza si è fatta trovare pronta con i numeri necessari a discutere e approvare il bilancio di previsione ma onestamente non ci aspettavamo una mozione d’ordine per la quale è necessaria una maggioranza diversa, con almeno 13 voti", ha ammesso il presidente del consiglio comunale Vincenzo Bacino. "Per me, con il parere del segretario generale, le interpellanze sono decadute, tant’è che i consiglieri proponenti le hanno ripresentate e ora andranno al prossimo consiglio utile, ma dopo il bilancio". La mozione d’ordine invece, mirava ad evidenziare una convocazione errata dei due precedenti consigli comunali e quindi a "tenere vive" le interpellanze non discusse. "C’è un problema di rispetto delle regole che è fondamentale per garantire i diritti di tutti i consiglieri", ribatte Luca Bosio, che rivendica la scelta della mozione d’ordine e ribadisce convintamente che le due precedenti convocazioni sono state effettuate in maniera non corretta. La pensano così anche i rappresentanti di Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia, che l’altra sera, dopo il consiglio comunale concluso in anticipo si sono trovati all’esterno dell’aula manifestando il proprio disappunto per quello che ritengono "il mancato rispetto delle regole". Di parere opposto la maggioranza, che ha diffuso un comunicato a firma congiunta Alleanze Civiche, Partito Democratico, Passione Civica e Vivicesano in cui si legge tra l’altro: "Un’opposizione che si accontenta di questi piccoli successi e di generare sterili polemiche, anziché dare vita ad un dibattito, anche aspro in aula, nel merito politico di visione della città e di scelte fatte e da fare per il nostro futuro", aggiungendo che "il bilancio verrà approvato nei prossimi giorni".

Gabriele Bassani