Scende dall’auto in autostrada: Damiano Frati travolto e ucciso da un camion

L’uomo, 61enne assicuratore di Giussano, si trovava sulla A4 in provincia di Bergamo. Stava camminando a bordo della carreggiata, il mezzo pesante non ha fatto in tempo a evitarlo

Inutili i soccorsi giunti sull'A4

Inutili i soccorsi giunti sull'A4

Giussano (Monza Brianza) – Ha perso la vita all’alba di sabato travolto da un camion sull’autostrada A4, in provincia di Bergamo.

Secondo una prima ricostruzione, l’uomo, Damiano Frati, 61 anni, originario di Lanciano e residente a Giussano, in Brianza, era sceso poco prima dalla propria vettura, una Fiat Panda, forse per un guasto o per altri motivi che saranno ora gli agenti della Polstrada di Seriate a dover accertare. Attorno alle 4 il 61enne stava viaggiando su una Fiat Panda in direzione Venezia quando, tra i caselli di Seriate e Telgate, ha fermato la propria vettura all’altezza di una piazzola di sosta nei pressi del territorio di Bagnatica. A quel punto, sceso dalla sua vettura, si è incamminato lungo la carreggiata.

Poco dopo è arrivato il camion condotto da un 42enne di Verona che, complice il buio, non è riuscito a frenare in tempo e a evitare l’impatto. Scattato l’allarme sul posto la centrale operativa del 118 ha inviato l’automedica e l’ambulanza in codice rosso, ma quando il personale sanitario ha raggiunto il punto in cui era avvenuto l’investimento per il 61 i soccorsi erano ormai inutili. Per i rilievi del caso è intervenuta una pattuglia della Polstrada di Seriate, competente per territorio.

La salma è stata composta nella camera mortuaria in attesa del nulla osta del magistrato di turno per il trasferimento nel comune della Brianza dove la vittima viveva. Damiano Frati lavorava come assicuratore a Seregno.