BARBARA APICELLA
Cronaca

Monza, magazzino ancora inagibile dopo il nubifragio: a rischio l’Armadio dei poveri

Punto di riferimento per tanti cittadini bisognosi che qui possono trovare beni di prima necessità. L’appello della presidente Roberta Campani

L'Armadio dei poveri a Monza

L'Armadio dei poveri a Monza

Monza – L’armadio dei poveri rischia di dover chiudere le ante. Un armadio pieno di vestiti, scarpe, pannolini per bambini e pannoloni per anziani che i benefattori hanno portato e continuano a chiedere di poter consegnare, ma che l’associazione non può ricevere. Perché non ha più una sede.

Nel frattempo il telefono della presidente Roberta Campani squilla in continuazione: sono tante le persone che ogni giorno chiedono un aiuto. Ma lei non sa più cosa fare. Il magazzino - nell’area comunale di via Borgazzi 37 - dopo il nubifragio dello scorso 24 luglio è inagibile. L’associazione, nel frattempo, non si è fermata e ha continuato a dare una mano ai bisognosi grazie alla generosità di un monzese che ha messo momentaneamente a disposizione il suo box che, però, tra poco Campani dovrà liberare. “Mercoledì abbiamo avuto un incontro con gli uffici comunali ma, purtroppo, non abbiamo ricevuto buone notizie – spiega la presidente dell’associazione -. Ci hanno riferito che nel magazzino di Spazio 37 non si può entrare, e che il comune di Monza non ha a disposizione spazi, e quelli disponibili non sono agibili»".

All’Armadio dei poveri serve un magazzino di 100 mq circa, sul territorio di Monza. ««Siamo disponibili a contribuire per pagare le utenze. Non mi posso spostare da Monza. I nostri utenti sono monzesi e in città riescono a muoversi per recuperare vestiti, scarpe, prodotti per l’igiene personale. Sia le famiglie che purtroppo sono in aumento, sia i tanti senzatetto che da anni seguiamo. Oltre alle famiglie scappate dalla guerra in Ucraina che vivono in città e che hanno sempre trovato aperto e disponibile il nostro armadio. Un armadio che, all’inizio del conflitto, ha peraltro raccolto beni di prima necessità che sono stati spediti anche alle popolazioni bombardate".

Roberta Campani è disperata: si commuove quando parla dei suoi amati utenti e dei suoi benefattori che in queste settimane non l’hanno mai abbandonata. “Mi viene da piangere quando un padre di famiglia mi chiama e mi chiede un paio di scarpe da ginnastica per mandare il bambino a scuola. Ho paura che presto non potrò più aiutarlo. Mi auguro che avvenga il miracolo: che qualcuno si metta una mano sul cuore e ci permetta di continuare a essere a Monza un punto di riferimento per tutti. In questo mese e mezzo non ci siamo arresi, ci siamo adeguati anche a ritirare le donazioni sul marciapiede, ma non possiamo smettere di aiutare chi ha bisogno a chi si affida a noi»”. Tanta la solidarietà mostrata sui social, ma anche la preoccupazione di chi da anni si affida all’associazione per riuscire a sbarcare il lunario.