Altre due assunzioni. PizzAut festeggia così

I giovani pizzaioli saranno preparati per l’inserimento da Autogrill e Murata. Intanto arriva in visita il console per la stampa e la comunicazione degli Stati Uniti .

Ieri era la Giornata mondiale dell’Autismo. “PizzAut nutriamo l’inclusione“ l’ha festeggiata, ricordando anche un anno del suo ristorante, con una serie di atti concreti di aiuto ai “suoi” ragazzi. "Oggi festeggiamo due nuove assunzioni a tempo pieno e indeterminato - racconta il fondatore Nico Acampora - Alessandro e Edo hanno ottenuto il contratto con Autogrill e Murata, che credono nell’inclusione, con la formula “Progetto distacco“. Significa che per due anni rimarranno presso di noi a PizzAut, intanto li prepariamo perché possano proseguire il loro cammino nella aziende. Noi creiamo le condizioni per un ingresso sereno nel mondo del lavoro, preparando i ragazzi e le aziende, perché possano accoglierli al meglio".

Al termine, PizzAut proseguirà con lo stesso format per altri ragazzi, prima inseriti nel suo contesto lavorativo protetto e poi in un’azienda esterna. "Noi non facciamo chiacchiere - commenta Acampora - ma pur fra mille difficoltà preferiamo fare cose vere e concrete che cambiano la vita dei ragazzi e delle loro famiglie". I due nuovi lavoratori verranno festeggiati il Primo maggio, intanto PizzAut anticipa le due importanti novità, perché denunciare le carenze del mondo del lavoro è importante, ma anche raccontare i successi. Cliente d’eccezione ieri al ristorante di via Philips 12: all’ora di pranzo è arrivato il console per la stampa e la comunicazione degli Stati Uniti, in rappresentanza del Console generale Douglass Benning. Ha apprezzato il prodotto dei giovani pizzaioli professionisti e si è detto felice di poter dare testimonianza di questo progetto. Nico Acampora ha lasciato intendere che prenderà forma una collaborazione tra PizzAut e il consolato degli Stati Uniti, su cui però non si è sbilanciato. Giornata piena di emozioni questo 2 aprile. Beatrice Tassoni (nella foto), cameriera al ristorante dell’inclusione, con spettro autistico, albina e ipovedente è una disegnatrice provetta di manga. "Oggi è per me una giornata importante - annuncia - perché esce un fumetto manga disegnato da me dove, con un po’ di ironia, racconterò l’autismo, cercando di sensibilizzare alla tematica". Il fumetto di Bea è stato presentato a Milano, a Palazzo Marino. “Essere Bea - Diario di una ragazza autistica, con la passione per il Giappone” è il titolo del progetto sostenuto da Coop Lombardia.

Continua, intanto, fino al 28 aprile, la mostra “AutPop in Dima”, l’esposizione dei dipinti realizzati dai ragazzi autistici dell’associazione “Faccia vista” all’Area Dima Space, in via Crocefisso 2 a Vimercate, a cura di Emanuela Genovese, Isabella Zappa e Anna Mongardi di Musa Arte.