Luca Mignani
Milan

Milan-Roma: ballottaggio Thiaw-Kjaer per Pioli, Bennacer torna titolare

Due dubbi di formazione per il tecnico nell'andata dei quarti di finale di Europa League, questa sera alle 21 a San Siro

Bennacer del Milan (ansa))

Bennacer del Milan (ansa))

Milano, 11 aprile 2024 – Mancano poche ore all'andata dei quarti di finale di Europa League, in scena questa sera a San Siro (ore 21) Milan e Roma. I rossoneri sono in ritiro da questa mattina all'Hotel Melià e sono stati raggiunti anche dal numero uno del club, Gerry Cardinale.

Pochi dubbi di formazione per Pioli che ha recuperato Thiaw, non convocato nell'ultima partita di campionato vinta contro il Lecce per una fascite plantare. Il centrale tedesco si è allenato a parte a inizio settimana, per poi riaggregarsi al gruppo e svolgere anche la rifinitura. Pioli, in conferenza, ha parlato chiaro: “Lui e Kjaer sono allo stesso livello dal punto di vista fisico”.

Per sostituire Tomori (squalificato) percentuali più alte per il primo rispetto al danese. Torna anche Loftus-Cheek sulla tre quarti, a sua volta assente in Serie A per squalifica: dunque Pulisic torna a destra e Leao, irrinunciabile, a sinistra nel tris alle spalle di Giroud. Assenti, oltre a Tomori, i lungodegenti Kalulu e Pobega. 

L'altro dubbio riguarda il cuore del centrocampo: Bennacer è favorito su Adli e ieri ha caricato l'ambiente. “Più forte questo Milan o quello dello scudetto? Per me questo. Abbiamo cambiato impostazione, abbiamo qualità. Chi potrebbe giocare nel Real Madrid o nel Manchester City? Quasi tutti”. Messaggi forti, così come quelli di Pioli, stuzzicato sul confronto con le due squadre che hanno dato spettacolo in Champions.

“Non siamo distanti da quel livello. L'anno scorso siamo arrivati in semifinale e quest'anno siamo usciti nell'unico girone che ha due squadre ai quarti”, le parole del tecnico emiliano che arriva alla sfida con De Rossi forte di una striscia (aperta) di sette vittorie consecutive tra campionato e coppa. Non sono da meno i giallorossi che, dopo l'esonero di Mourinho, in 15 partite hanno vinto 10 volte, con 3 pareggi e 2 ko: uno con l'Inter, l'altro ininfluente in Europa League contro il Brighton (0-1, dopo la vittoria all'andata per 4-0).

Da sottolineare anche la presenza di Gerry Cardinale. Il proprietario del club rossonero ha raggiunto la squadra in ritiro e questa sera sarà presente a San Siro. Nella sua agenda, peraltro, dovrebbero esserci una serie di incontri in ottica squadra Under 23 (che dovrebbe essere affidata a Daniele Bonera, collaboratore di Pioli), gestione del club (da tempo si parla di un ingresso nel club di Damien Comolli, presidente del Tolosa anch'esso di proprietà Red Bird) e questione stadio a San Donato.

In primis, però, la partita con la Roma: nel mirino dei rossoneri c'è la finale di Europa League, mai raggiunta dalla società nemmeno ai tempi della Coppa Uefa (solo tre semifinali, ndr). È l'inizio di 12 giorni di fuoco: Roma, il Sassuolo domenica, il ritorno all'Olimpico e il derby con l'Inter. Pioli, in questo senso, ha parlato chiaro: “Non pensiamo ad altro che a questa partita. Vogliamo dimostrare di essere competitivi in Italia e in Europa”. Tant'è. Tanto che il tecnico si affiderà alla miglior formazione possibile. Per continuare a sognare. Le probabili formazioni:

Milan (4-2-3-1): Maignan; Calabria, Thiaw, Gabbia, Theo Hernandez; Bennacer, Reijnders; Pulisic, Loftus-Cheek, Leao; Giroud. All. Pioli.

Roma (4-3-3): Svilar; Celik, Mancini, Llorente, Spinazzola; Cristante, Paredes, Pellegrini; Dybala, Lukaku, El Shaarawy. All. De Rossi.

Arbitro: Turpin (Francia).

Orario: 21.

Tv: Rai, Sky, Dazn.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su