Lo skyline di Milano
Lo skyline di Milano

Milano, 11 novembre 2019 - Botta e risposta tre il ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano, e il sindaco di Milano, Giuseppe Sala. Al centro del dibattito il ruolo giocato dal capoluogo lombardo nello sviluppo del Paese. Per usare una metafora sportiva: Milano è il fuoriclasse che fa fare il salto di qualità a tutta la squadra o è quello che gioca solo per se stesso e finisce per oscurarla? Provenzano propende per la seconda. «Tutti decantiamo Milano ma non è la prima volta nella storia d’Italia che è un riferimento nazionale. A differenza di un tempo, però, oggi questa città attrae ma non restituisce quasi più nulla di quello che attrae – sottolinea il ministro –. Intorno ad essa si è scavato un fossato: la sua centralità, importanza, modernità e la sua capacità di essere protagonista delle relazioni internazionali non restituisce quasi niente all’Italia. Dovremo provare a cogliere questa sfida». Parole proferite all’ombra della Madonnina durante un convegno pubblico.

La risposta del sindaco arriva a stretto giro. Sala concorda sulla premessa: «È vero che Milano sta un po’ fagocitando tutta la crescita che il nostro Paese potrebbe meritare. E, se mi chiedete se per me, da sindaco di Milano, questo è giusto, io dico di no». Una posizione che Sala ha espresso già venerdì scorso durante la presentazione di un rapporto di Assolombarda dal quale emerge come la metropoli lombarda cresca il doppio di quanto cresca l’Italia. Ministro e sindaco divergono, però, sulle cause per cui questo accade: «Non credo che Milano abbia alcun istinto egoistico» dice Sala prima di richiamare il governo centrale alle sue responsabilità. 
«Noi restituiamo nella misura in cui ci viene chiesto e nella misura in cui veniamo messi in condizione di farlo. Ad esempio le municipalizzate milanesi sono un esempio di buona gestione. Vogliamo trovare una formula per cui possono allargare anche altrove il proprio raggio di azione? Parliamone».

Non è finita. «Mettetevi nei panni delle imprese straniere – prosegue il sindaco –: è casuale che delle 8mila multinazionali che ci sono in Italia, ben 4.300 si trovano a Milano? Qui trovano un sistema in cui tutto funziona. Dobbiamo cacciarle?». La sortita di Provenzano scatena l’ira della Lega. «Ma perché il governo lo manda in giro a fare figuracce?», si chiede Paolo Grimoldi, deputato e segretario lombardo del Carroccio. Dal canto suo la forzista Mariastella Gelmini pungula l’esecutivo, affinché «chieda scusa ai milanesi». In serata arriva la precisazione del ministro: «Nessun attacco a Milano Il mio era un ragionamento più ampio sull’allargamento dei divari territoriali».