Passaggio di consegne tra Roberto Maroni e Attilio Fontana
Passaggio di consegne tra Roberto Maroni e Attilio Fontana

Milano, 27 marzo 2018 - Attilio Fontana è ufficialmente il nuovo presidente della Regione Lombardia. Dopo la proclamazione di ieri, della Corte d’Appello di Milano, stamattina a Palazzo Lombardia si è tenuto il passaggio di consegne tra l’ormai ex governatore Roberto Maroni e lo stesso Fontana. Un passaggio di consegne tutto in casa Lega. Nel frattempo continuano febbrili le consultazioni all’interno e tra i partiti della coalizione di centrodestra per definire la Giunta. Gli assessori saranno 16, così suddivisi: 7 della Lega, 5 di Forza Italia, 2 di Fratelli d’Italia ed uno a testa per la Lista Fontana e i centristi di Noi con l’Italia. Le donne saranno 5: due del Carroccio, altrettante di Forza Italia e la quinta di FdI. 

Nella Sala Biagi del grattacielo sede della Giunta, il governatore uscente ha consegnato a quello nuovo "non la campanella che mi diede Formigoni - ha sottolineato Maroni - ma un focus del nostro piano regionale di sviluppo, noi di Varese siamo gente concreta". Priorità per entrambi, completare il processo di autonomia avviato col governo dopo il referendum del 22 ottobre. Di Fontana, Maroni ha detto che "è un ragazzo capace, è un varesino come me, è un avvocato come me ed è milanista come me, meglio di così...". "È un onore e un piacere - gli ha risposto il nuovo presidente della Regione - ricevere il testimone da parte di Maroni, un amico ultra-quarantennale, eravamo ragazzi quando ci siamo conosciuti. So anche di raccogliere il testimone da chi ha lavorato bene in questi cinque anni, mi rende il lavoro più facile".

Fontana ha spiegato poi che la Giunta sarà presentata "giovedì pomeriggio". "Comunicherò i nominativi della Giunta quando sarà completata. Per rispetto nei confronti di tutti gli alleati, non anticipo nessun nome. L'unico certo sono io", ha chiarito il governatore.