Salone del Mobile 2024, ecco le novità: un Osservatorio per studiare il fenomeno e il debutto dell’intelligenza artificiale

Milano, la presidente Maria Porro delinea le new entry della prossima edizione: "Col Politecnico per studiare l’impatto dell’evento in maniera scientifica"

L'ultima edizione del Salone del Mobile
L'ultima edizione del Salone del Mobile

Milano – Dall’Osservatorio permanente per monitorare in maniera scientifica l’impatto di un evento come il Salone del Mobile sino all’uso delle neuroscienze e dell’intelligenza artificiale. Sono alcune delle novità anticipate dalla presidente del Salone del Mobile di Milano, Maria Porro, in vista dell’edizione 2024 che si terrà alla fiera di Milano- Rho dal 16 al 21 aprile.

L’Osservatorio permanente viene promosso insieme al Politecnico e al Comune di Milano ma sarà aperto a tutte le realtà che vorranno partecipare. "Questo ecosistema finora non è mai stato misurato, non esistono dati numerici che raccontino in modo esaustivo questo fenomeno - ha spiegato la presidente del Salone del Mobile Maria Porro -. Abbiamo riflettuto e capito quanto sia importante raccogliere questi dati per descrivere ciò che il Salone rappresenta e anche per promuovere una maggiore sostenibilità dell’evento. Questo perché il Salone ha anche un ruolo che possiamo definire sociale, culturale, e istituzionale nei confronti della società e collettività".

Va in questa direzione la scelta quindi di lavorare con partner istituzionali come il Politecnico di Milano e il dipartimento della scuola di Design. "La nostra idea è quella di riuscire a documentare, con l’accesso ai dati disponibili, questo fenomeno che è il Salone del Mobile - ha spiegato Francesco Zurlo, preside della Scuola di Design del Politecnico di Milano -. Raccoglieremo dati come quello sull’affluenza ma poi tutto ciò che accade all’esterno, finora ce ne sono ma sono database poco attendibili, che vanno affrontati con una metodologia. Per contribuire a creare una fenomenologia del Salone del Mobile". I primi dati verranno raccolti in fase di allestimento dei padiglioni e disponibili presumibilmente verso giugno. Poi il monitoraggio diventerà permanente. Un primo passo per "la creazione di una governance".

E l’Intelligenza artificiale? Servirà a "mappare" le emozioni, le reazioni dei visitatori, positive ma anche negative, che si provano girando fra gli stand della Fiera. Anche per valorizzare sempre di più le piccole e grandi aziende. Il Salone regala delle esperienze al "top" (l’83% ha dichiarato che è stata un’esperienza memorabile a proposito della scorsa edizione) ma può risultare sfiancante. Quanto al format la presidente Porro ha annunciato che le due biennali del bagno e della cucina saranno ridisegnate (confermata la collaborazione con Lombardini22) visto l’apprezzamento avuto con Euroluce. Infine, appuntamento speciale per il SaloneSatellite che celebra 25 anni di vita con una mostra in Triennale dal 16 al 28 aprile.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro