Quotidiano Nazionale logo
29 dic 2021

Rider, guerra fra poveri nel Far West: fake Gps e app per truccare i turni

Business milionario per i pirati del web. Esposto all’Ispettorato del Lavoro: tagliato fuori chi rispetta le regole

andrea gianni
Economia
featured image
Rider

Per falsificare il Gps del telefono, con l’obiettivo di allungare i percorsi per le consegne e quindi ottenere un rimborso maggiore rispetto al dovuto, basta scaricare e installare una app, Fake Gps o simili. Altre applicazioni, come Reglov, Glovobot, LaFenice, Sushi Clicker o GlovIp, consentono ai rider “furbetti“ di aggirare l’app originale di Glovo tramite un programma che, una volta installato sul proprio smartphone, consente di lavorare indisturbati in barba al ranking, alla disponibilità e all’anzianità di servizio dei colleghi rispettosi delle regole. Truccando le carte si ottengono turni migliori e più lunghi e remunerativi, con una corsia preferenziale che innesca una guerra fra poveri e fa confluire un fiume di denaro nelle tasche degli sviluppatori dei software, una rete internazionale che prolifera nel Far West digitale. Per ottenere i servizi, infatti, i rider pagano un abbonamento mensile, che arriva fino a 50-100 euro, oltre alla tariffa per iscriversi. È possibile anche ottenere un profilo clonato bypassando i controlli anti-caporalato e il filtro del riconoscimento facciale. Il sindacato Uiltucs ha denunciato i sistemi illeciti, che di fatto impediscono ai rider “regolari“ di lavorare, all’Ispettorato del Lavoro e ha chiesto un incontro a Glovo Italia. Incontro che dovrebbe essere fissato dopo le festività natalizie. Glovo, intanto, ha sottolineato che anche la piattaforma è vittima di queste app “pirata“ e ha ribadito il "rispetto delle norme" per il contrasto del caporalato. Un problema che riguarda solo questa piattaforma del delivery, visto che gli altri colossi del settore che non applicano contratti subordinati, come Deliveroo o Uber Eats, usano il sistema del “free login“ (criticato dai sindacati) che consente di lavorare a chiunque si connette in un determinato momento della giornata, creando quindi un bacino enorme di fattorini disponibili. Il business delle app è alimentato su chat Telegram, store o siti internet, al ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?