Quotidiano Nazionale logo
1 mag 2022

"Nessun candidato. Restiamo chiusi". Quando l’offerta non incontra domande

Il caso della farmacia che non trova laureati. L’allarme era già scattato per medici, operatori di Rsa, educatori, panettieri e sarti

marianna vazzana
Economia
L’attività commerciale che resterà chiusa fino al 9 maggio nel Centro commerciale Metropoli di Novate Milanese. Sopra, il cartello (rimosso)
L’attività commerciale che resterà chiusa fino al 9 maggio

Milano - Si fatica a trovare personale per le Rsa. Scarseggiano gli educatori nelle comunità. L’allarme era già scattato per panettieri, pizzaioli, sarti e non solo. E se a volte il lavoro viene rifiutato perché non rispecchia le proprie aspettative, magari quelle di un laureato che non trova il posto dei sogni e che non si arrende a “un ripiego“, capita sempre più spesso che il deserto di candidati riguardi professioni prestigiose e che richiedono proprio il “pezzo di carta“. Come quelle di medico e farmacista. Possibile, viene da domandarsi, che una farmacia sia costretta a restare chiusa perché non trova laureati disposti a coprire i turni scoperti? Stando al cartello spuntato nell’attività del Centro commerciale Metropoli di Novate Milanese, al confine con la Bovisasca e Quarto Oggiaro, pare proprio di sì. Ma qual è il problema? Ce lo domandiamo oggi, giornata in cui si celebra la Festa dei lavoratori. Cosa c’è dietro? Manca la “voglia di lavorare“? Le condizioni proposte sono poco allettanti? Nella farmacia in questione è stato proprio scritto che "A causa dell’impossibilità nel reperire personale laureato la farmacia rimarrà chiusa fino al 9 maggio". Annarosa Racca, presidente di Federfarma Lombardia, spiega al Giorno che "la carenza di farmacisti è realtà. E questo succede perché c’è il numero chiuso all’università. Con il passare degli anni, i giovani sono stati attratti da altre facoltà. E di conseguenza il numero di farmacisti è inferiore rispetto al passato". Alla domanda sulle condizioni di lavoro (e sull’eventualità che potrebbero non essere considerate vantaggiose), la presidente risponde che "il contratto è stato appena rinnovato e sono già scattati gli aumenti salariali". Forse, riflette, "il tempo di pandemia potrà cambiare le cose in meglio: quella del farmacista è una professione straordinaria. Grazie alle proprie competenze è possibile alleviare le sofferenze delle persone ed ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?