Pietro Morello sul palco del Repower di Assago con ‘Non è un concerto’: un viaggio tra musica e missioni umanitarie

Il creator piemontese fa tappa nel capoluogo lombardo e porta sul palcoscenico le sue esperienze di vita, tutte accomunate da un unico fil rouge: la felicità

Pietro Morello con 'Non è un concerto'

Pietro Morello con 'Non è un concerto'

Milano, 4 gennaio 2024 – Pietro Morello fa tappa a Milano con ‘Non è un concerto’, uno spettacolo  pensato per raccontare esperienze di vita vissute tra note musicali, missioni umanitarie e attività negli ospedali con i bambini, tutte accomunate da un unico fil rouge: la felicità

Prodotto da Compagnia della Rancia e Midriasi, con la regia di Mauro Simone, lo spettacolo sta girando i teatri teatri italiani e il 9 gennaio, alle 21, sarà al Teatro Repower di Assago, Milano.

Artista e creator, nato nel 1999 a Torino, a soli 24 anni conquista e ispira ogni giorno milioni di persone che lo seguono sui social (3,7 milioni di follower su TikTok, 418K su Instagram, 395K su YouTube). Grazie alla sua passione e forte senso del dovere verso i bambini, le sue esperienze in qualità di operatore umanitario hanno appassionato i suoi follower, parte di una community affiatata. Nel corso di questi anni, Pietro ha scelto di dedicare la sua vita alla cura e al sostegno dei bambini che si trovano in difficoltà sia nei reparti ospedalieri che nelle zone di guerra.

Lo spettacolo, scritto da Mauro Simone e Pietro Morello e ispirato anche dal suo libro ‘Io ho un piano’, edito da De Agostini Libri S.r.l., è un vero e proprio viaggio nella sua mente, vista finora solo attraverso la lente dei social, per sperimentare insieme a lui la Felicità di avercela fatta, la paura della guerra, la tristezza della morte di un bambino, la gioia di crederci fino in fondo e la voglia di cambiare il mondo. Il coinvolgimento - tra giochi di luci, silenzi, momenti di buio totale, suoni, scoppi, risate - è assicurato perché l’energia e l’amore che Pietro trasmette è unica, come è unico tutto quello che ha vissuto nelle sue tante esperienze

“Raccontare dei bambini, le loro storie, le loro frasi, le loro riflessioni, mi fa rivivere quell’emozione che profuma di Teatro. – sono le parole di Pietro Morello - Non vedevo l’ora di essere su un palco, in Teatro, con la musica, e con le storie dei bambini, come se li avessi lì con me per mano".

“Scrivere con Pietro e dirigerlo è un meraviglioso gioco. La sua energia è creatività allo stato puro. Riesce a guardare con gli occhi di un bambino, ma il pensiero viaggia sulle note di un uomo rivoluzionario e sensibile” aggiunge il regista Mauro Simone. Non è un concerto è accompagnato da una spremuta di musica originale insieme a brani celebri, tra racconti sul sentirsi bambini e sulla voglia di riscatto, che resterà nel cuore di tutti gli spettatori per sempre.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro