Angelina Mango: la casa del nuovo inizio, il fidanzato Antonio, la musica. Milano è un pezzo (importante) della sua storia

La cantante è nata a Maratea ma vive all’ombra della Madonnina dal 2016. E da quel momento non ha più lasciato la città. Ecco perché quello tra la cantante protagonista all’Eurovision 2024 e Milano è davvero un legame speciale

Milano, 11 maggio 2024 – Questa sera andrà in scena la finalissima dell’Eurovision Song Contest 2024. Lanciata verso nella corsa verso il primo posto c’è anche Angelina Mango, che con la sua “cumbia della noia” ha fatto ballare tutta la Malmö Arena. La giovane vincitrice di Sanremo punta dritto al podio (anche se la concorrenza non manca, vedi la voce Croazia e Svizzera) e vuole bissare il trionfo ottenuto al Festival Sanremo 2024. Una cosa è certa: anche Milano farà il tifo per la 23enne di origini lucane. Non solo per spirito “patriottico” ma anche perché Angelina “Nina” Mango è “meneghina d’adozione” ormai da molti anni. Ecco perché quello tra la cantante di “La Noia” e Milano è davvero un legame speciale. 

Il trasferimento nel 2014

Figlia di Laura Valente e di Pino Mango, entrambi cantanti famosissimi in Italia negli anni ‘90 e 2000 e sorella di Filippo, Angelina si è trasferita a Milano nel 2016, a seguito della morte del padre l’8 dicembre 2014. Quando il padre era ancora in vita, infatti, aveva acquistato un immobile in centro, lasciando un ottimo ricordo: alcuni commercianti della zona ancora si ricordano della sua gentilezza e della sua semplicità, e parlano di Pino Mango come di una persona semplice e alla mano.  

Dopo la morte del marito, Laura Valente (milanese) e i figli hanno deciso di spostarsi a Milano e hanno fatto di Milano il luogo sicuro da cui ripartire. Angelina all’epoca aveva 15 anni, riprese a frequentare il liceo, per poi iscriversi alla facoltà di lettere moderne (anche se non ha portato a termine il percorso di studi). 

Il rapporto con Milano

La ragazza si è ambientata a Milano, sebbene il capoluogo meneghino sia sicuramente diverso rispetto a Maratea, il luogo dove Laura Valente (milanese) e il marito (lucano) avevano deciso di costruire la famiglia.  

"Cammino tanto, mi piace girare per Milano senza Google Maps, chiudere il telefono, perdermi, ritrovarmi lontanissimo e dover fare chilometri per tornare a casa, guardare le persone – ha rivelato la cantante nel corso di un’intervista a Tv Sorrisi e Canzoni –. Ho proprio la mania di andare nei posti affollati e salutare la gente. L’energia che ricevo sul palco la cerco anche per strada. Ho iniziato a correre, quasi tutti i giorni, e già vuol dire tanto. Cinque o sei chilometri. Mi preparo a quello che farò sul palco".

La convivenza con il collega e fidanzato

Da qualche tempo però la cantante de “La noia” ha lasciato il tetto della famiglia d’origine per convivere con il fidanzato Antonio Cirigliano, con cui condivide non solo la casa e la vita personale, ma anche il lavoro in studio: Antonio infatti è il componente della band con cui Angelina si esibisce e di cui fa parte anche il fratello Filippo, che la ragazza ha più volte ringraziato a Sanremo e soprattutto dopo l’esibizione de "La rondine” durante la serata cover.  La nuova vita con Antonio, 24 anni, chitarrista è appena iniziata ma ancora una volta Angelina ha scelto Milano come città in cui vivere.

Il video girato nel mercato rionale

E che dire del mercato rionale di zona Città Studi dove i milanesi avevano visto Angelina girare il video di “Che t'o dico a fa'”, doppio disco di platino e hit dell’estate 2023? La cantante infatti canta “E se poi scappo via così/Nei vicoli di Spaccanapoli” ma di fatto lo scenario che ha alle sue spalle è un riconoscibilissimo mercato rionale di Milano, che nonostante la dimensione internazionale della metropoli, mantiene intatto il fascino delle bancarelle. E come ogni mercato di quartiere, dietro alla cantante che balla è facile scorgere i curiosi che tra un acquisto e l’altro si fermano ad osservare la situazione.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro