Il Comune di Milano stanzia aiuti per gli inquilini dopo gli incendi di via Vasari e via Luxemburg

Il primo episodio riguarda lo scoppio del furgone in strada l’11 maggio. Nel secondo, il 9 aprile, le fiamme devastarono il quarto e quinto piano

L'esplosione del furgone e i danni al palazzo in via Vasari
L'esplosione del furgone e i danni al palazzo in via Vasari

Milano - Il Comune di Milano ha destinato, con una delibera, fondi fino a 350mila euro per erogare aiuti economici agli abitanti del condominio di via Vasari 22, colpito da un incendio lo scorso 11 maggio in seguito all’esplosione di un furgone che trasportava bombole di ossigeno e di una palazzina di via Luxemburg 5 dove, lo scorso 9 aprile, un incendio ha distrutto il quinto piano e parte del quarto.

“Sin dai primi giorni dopo gli incendi - dichiarano gli assessori Lamberto Bertolé (Welfare e Salute), Pierfrancesco Maran (Casa) e Giancarlo Tancredi (Rigenerazione urbana) - sono stati presi contatti con gli amministratori dei condomini di via Vasari e via Luxemburg per raccogliere le necessità dei residenti e, nelle settimane successive, si è lavorato per replicare il modello di intervento sperimentato in occasione del rogo alla Torre dei Moro, con l’obiettivo di supportare le famiglie danneggiate con aiuti concreti nel periodo immediatamente successivo ai fatti".

“Con questo provvedimento – è la tesi - andiamo proprio in questa direzione, perché i residenti che hanno perso le loro case sentano la vicinanza e il supporto del Comune”. Sulla base di quanto previsto dal Regolamento per la concessione di contributi e altre erogazioni economiche a favore di soggetti pubblici e privati, l’Amministrazione ha deliberato di riconoscere un contributo per l’acquisto di effetti personali o beni per esigenze di tipo sanitario, scolastico, abitativo o professionale andati persi nell’incendio.

Il rimborso, fino a 2mila euro per gli abitanti degli appartamenti maggiormente colpiti e fino a 500 euro per quelli che hanno subito danni correlati, riguarderà le spese documentate fatte entro 90 giorni dall’evento e sarà a disposizione dei 28 nuclei di via Luxemburg e dei 14 nuclei colpiti dallo scoppio in via Vasari. Il Comune sosterrà, con un aiuto fino a 1.500 euro, le spese di alloggio in albergo o altre strutture temporanee relative ai primi 30 giorni dopo l’incendio.

Le famiglie residenti con un reddito non superiore ai 96.107,81 euro e per le quali gli appartamenti danneggiati rappresentavano la prima casa e comunque l’unica disponibile nell’ambito della Città metropolitana, potranno chiedere, inoltre, un contributo per l’affitto per i mesi successivi al primo. L’importo e la durata dell’aiuto erogato saranno commisurati al reddito familiare, alle dimensioni del nucleo e alla presenza di minori.

La Giunta ha stabilito, infine, di differire al 31 dicembre i termini per il versamento delle quote contributive per i servizi erogati dal Comune (per esempio nidi e refezione scolastica) e di sospendere l’invio degli avvisi relativi ai tributi sui rifiuti per l’anno 2023.