Un parco e la casa di comunità per ricordare Giulia e Thiago

Il Comune di Senago ha costituito un gruppo di lavoro per organizzare eventi e attività sulla violenza di genere, in memoria di Giulia Tramontano e Thiago. Verrà intitolato un parco a loro e si realizzerà una casa rifugio per le donne vittime di violenza.

Un parco e la casa di comunità per ricordare Giulia e Thiago

Giulia Tramontano la ventinovenne di Senago uccisa dal compagno Alessandro Impagnatiello quando era incinta di 7 mesi

La costituzione di un gruppo di lavoro in memoria di Giulia Tramontano e Thiago sul tema della violenza di genere che organizzi, in collaborazione con scuole, enti e associazioni del territorio, eventi e attività. Una camminata silenziosa il prossimo luglio. L’intitolazione del parco tra via Novella e via Liberazione a Giulia e Thiago in ricordo di tutti i femminicidi. Senago non dimentica Giulia, la 29enne, incinta al settimo mese, uccisa lo scorso 27 maggio con 37 coltellate dal fidanzato Alessandro Impagnatiello, reo confesso, nell’appartamento in cui la coppia viveva, in via Novella. Uno dopo l’altro, mantiene gli impegni scritti nero su bianco in una mozione approvata all’unanimità dal consiglio comunale.

"Abbiamo ricevuto a fine dicembre l’autorizzazione da parte della prefettura di Milano per procedere all’intitolazione del parco pubblico che si trova proprio davanti alla casa dove Giulia viveva. Lavoreremo per definire tutti i dettagli della cerimonia – dichiara la sindaca Magda Beretta –. il femminicidio di Giulia ha scosso e commosso tutta la nostra comunità, quindi non ci fermiamo con le iniziative e andiamo avanti con gli impegni assunti. Ricordo che anche la Casa di comunità che si sta realizzando in via Da Vinci sarà intitolata a Giulia e qui vorremmo attivare dei servizi per le vittime di violenza". E per sensibilizzare tutti e arrivare anche alle nuove generazioni il Comune organizzerà un concorso artistico-letterario (racconto, video, poesia o arte figurativa) aperto a tutte le scuole medie d’Italia e un’iniziativa sportiva di atletica leggera (sport praticato da Giulia), in collaborazione con le associazioni del territorio. Infine c’è anche l’impegno a realizzare una casa rifugio per le donne vittime di violenza una delle case del Comune. Ro.Ramp.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro