Soprusi, prostituzione, spose bambine: "Sveliamo i mille volti della violenza"

Il Sud-Est Milanese celebra la Giornata contro la violenza sulle donne con un ampio ventaglio d'iniziative: mostre, dibattiti e collegamento con un premio Nobel. A Melegnano, San Donato e Peschiera eventi per riflettere sui temi della violenza.

Mostre, dibattiti e un premio Nobel in collegamento. Il Sud-Est Milanese celebra la giornata contro la violenza sulle donne con un ampio ventaglio d’iniziative. A Melegnano domani al castello mediceo, all’inaugurazione della mostra “World with women“, sarà in collegamento Sasha Romantsova, direttrice del Centro per le libertà civili di Kiev, fra i tre organismi che nel 2022 hanno ricevuto il Nobel per la pace. Appuntamento alle 19 nella sala dell’Imperatore, che a seguire ospiterà l’incontro-dibattito “Violenza nelle coppie e realismo terminale“, a cura del poeta melegnanese Guido Oldani. Il 25 novembre la palazzina Trombini s’illuminerà di rosso, mentre il teatro “La corte dei miracoli“ ospiterà alle 21 la piéce “Amore acido“, a cura della compagnia Maskere. Sempre alla Corte dei miracoli, il 28 novembre alle 21 lo spettacolo “Il battito delle donne“ riflette, in un mix di musica, danza e poesia, su temi come la prostituzione e le spose bambine. Attivato, infine, il profilo Instagram melegnano_donna.

A San Donato gli eventi saranno ospitati a Cascina Roma, dove la mostra “Sguardi dal mondo offeso“, di Nicoletta Immorlica, verrà inaugurata sabato 25 alle 17.30 (fino al 6 dicembre). Sempre il 25, alle 20.30, da Cascina Roma partirà la passeggiata “Camminare da sole in città“, mappa dei punti dove rivolgersi in caso di molestie. Il 28 alle 17 premiazione del concorso “Io non ci sto“, che ha coinvolto gli studenti del liceo Primo Levi. A Peschiera due gli eventi in biblioteca: la presentazione del libro di Francesco Ferreri “Cosa vuol dire fare l’uomo?“ (giovedì 23 alle 20.30) e la mostra “Com’eri vestita?“ (dal 23 fino al 13 dicembre). A.Z.