Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
22 giu 2022

Scarcerato Davide, farà la Maturità

Il giudice ha concesso i domiciliari all’istigatore della rissa di Pessano e amico della vittima Simone

22 giu 2022
barbara calderola
Cronaca
Simone Stucchi con il suo cagnolino
Simone Stucchi con il suo cagnolino
Simone Stucchi con il suo cagnolino
Simone Stucchi con il suo cagnolino
Simone Stucchi con il suo cagnolino
Simone Stucchi con il suo cagnolino

di Barbara Calderola

"Il carcere ha avuto l’effetto deterrente". Il gip Luca Milani concede i domiciliari a Davide Colombi, uno degli “istigatori” della rissa di Pessano finita con la morte di Simone Stucchi, il 22enne brianzolo accoltellato al cuore da due fratelli minorenni. Oggi lo studente, accusato di rissa, spaccio e lesioni, sosterrà l’esame di maturità, prima prova: italiano. Il giudice infatti ha deciso che potrà partecipare alla verifica direttamente alla sua scuola, il Floriani di Vimercate. Ad accompagnarlo per ordine del magistrato sarà il padre, i carabinieri non lo piantoneranno, dovrà però informarli "appena finito il tema" del rientro a casa, dove rimarrà in via cautelare.

Nessun contatto esterno per lui, salvo quelli necessari con i compagni e la commissione, anche domani, per il secondo test. A esame finito invece potrà parlare solo con i familiari stretti e la fidanzata. "Il gip ha ritenuto importante che partecipasse per il percorso di ricostruzione che il mio assistito dovrà affrontare – spiega Cristina Biella, avvocata del ragazzo –. Su questa decisione ha pesato la volontà di collaborare con gli inquirenti manifestata venerdì durante l’interrogatorio". Colombi aveva chiarito sia lo scenario nel quale è maturato l’omicidio – tensioni continue fra i due gruppi cominciate per un debito di droga che pagò con soldi falsi e proseguite con apprezzamenti pesanti alla sua ragazza – sia le fasi finali dei colpi inflitti alla vittima e il disperato tentativo di salvarlo stringendo una felpa attorno al corpo di Simone per fermare l’emorragia.

Il dolore per la perdita del ragazzo è riecheggiato anche nelle parole dell’amico del cuore dell’edicolante, Younes El Bakali, coetaneo di Stucchi, "legato a lui fin dall’infanzia", interrogato ieri. "In tutti questi mesi sono andato almeno due volte a settimana a trovare i genitori. Incontrarli è un po’ come stare ancora con Simone per me". È ai domiciliari da mercoledì scorso, per lui l’accusa è di rissa e lesioni. "Quando sono entrato nel giardino, Limo era già a terra, ero in ritardo per l’impellenza di un bisogno. Sono tornato per aiutarlo insieme a Davide". Da quel 29 settembre non si è mai ripreso, Younes, perito informatico con un lavoro fisso in un’azienda del Lecchese, è tra i fondatori dell’associazione che Andrea Stucchi, sorella della vittima, ha voluto per ricordare il fratello.

Strazio anche per un altro componente della fazione vimercatese, Francesco Errichiello, che non partecipò al pestaggio perché perché non fece in tempo: "Ero nelle retrovie". "Sono arrivato quando tutti stavano scappando. Non dimenticherò mai Simone a terra, inerme". Per entrambi l’avvocato ha chiesto la scarcerazione.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?