MONICA AUTUNNO
Cronaca

Raccolta di penne e zaini Tutti promossi

Ora la grande quantità di materiale sarà distribuita, sulla scìa dell’iniziativa nasce la rete di promotori culturali per bambini in difficoltà

Raccolta di penne e zaini Tutti promossi
Raccolta di penne e zaini Tutti promossi

883 penne e 30 zaini, 56 astucci e quasi 550 quaderni, e ancora 17 compassi, 912 matite di grafite, 90 confezioni di matite colorate, 100 evidenziatori e 100 scatole di pennarelli: tutti i numeri della solidarietà, un successo la raccolta solidale di materiale scolastico e didattico promossa dal Comune e da una cordata nutritissima di associazioni di volontariato nei giorni precedenti la prima campanella. Il materiale raccolto sarà ora distribuito sotto la supervisione della Caritas. In parte andrà a famiglie in difficoltà, permanente o momentanea, già seguite dai servizi sociali. In parte rimarrà a disposizione delle scuole gorgonzolesi: per fare fronte, immediatamente, alle necessità di qualche bambino in aula senza materiale per problemi della famiglia. Il grazie del Comune, in queste ore, è a tutti coloro che si sono presentati ai quattro punti raccolta che erano stati allestiti in città, per donare materiale rigorosamente nuovo, e "a tutti i soggetti e i volontari che hanno reso possibile questo incredibile risultato". Ma non finisce qui.

L’iniziativa, promossa ai tavoli per la povertà avviati lo scorso anno dal Comune, ha un obiettivo più di lungo raggio. Sono già 32 i cittadini che hanno lasciato contatti e disponibilità a diventare "tutor" o promotori culturali per bambini che, per molte ragioni, siano ancora oggi in difficoltà nel frequentare i luoghi della cultura: biblioteche, librerie, teatro, cinema, musei, rassegne ed eventi per bambini e ragazzi. In prospettiva si mira ad una rete di ”famiglie educanti“, "che possano condividere con altre famiglie, bambini o ragazzi esperienze di svago educativo. Che aiutino a trasmettere il concetto di cultura come piacere e curiosità". "Ciò che è soddisfacente a margine di questa raccolta - così Nicola Basile, vicesindaco - è, oltre allo straordinario successo in termini di donazioni, il movimento che si è creato a corredo. Dobbiamo, tutti mirare ad essere attori e dinamici nella promozione del benessere comune". Infine, un grazie enorme ai volontari ed esponenti di associazioni che, per tutta la giornata dell’evento solidale, si sono alternati ai banchi di raccolta: fra gli altri Caritas, Acli, Centro anziani, Fondazione comaschi e Comunità pastorale, Mani Tese, Gente del MaGo, Comitato genitori e Bottega solidale, oltre alle cartolerie, entrambe storiche, Rebecca e del Campanile. "Il loro impegno, ma anche quello di operatori sociali, dipendenti comunali, semplici cittadini e tanti ragazzi che hanno lavorato ai banchi, conferma la solidarietà e generosità della nostra comunità".