Donna presa a mazzate in testa dal marito: ai carabinieri racconta tutte le altre violenze

Cusano Milanino, una 64enne trova la forza di denunciare l’uomo dopo essere finita all’opsedale. Il 69enne viene arrestato per lesioni, minaccia e maltrattamenti

Sono intervenuti i carabinieri
Sono intervenuti i carabinieri

Cusano Milanino (Milano) – Non lo aveva mai denunciato. Aveva sempre subìto, sperando che quella sarebbe stata l’ultima volta. Fino a sabato pomeriggio. Quando l’ultimo episodio di violenza del marito l’ha mandata in ospedale con una ferita alla testa e diversi lividi.

La vittima è una donna classe 1959, nata in provincia di Catania. Per fortuna non è in pericolo di vita. L’aggressore, il marito, l’ha colpita con una mazza da baseball, causandole un trauma cranico che ha fatto decidere l’ospedale Niguarda, dove è arrivata in codice giallo, di tenerla sotto osservazione. Solo sabato, ai carabinieri, la 64enne ha finalmente avuto la forza di raccontare un passato di maltrattamenti. Non era la prima volta che il marito la picchiava. Sempre per futili motivi, come sabato quando un litigio per le solite cose domestiche ha fatto esplodere l’uomo in un’escalation di violenza che lo ha portato a impugnare la mazza e a scagliarsi contro la donna.

A chiamare il numero unico delle emergenze sono stati i vicini di casa della palazzina in via Piemonte. I sanitari del 118 hanno poi chiamato i carabinieri, quando hanno capito di essere davanti a un caso di maltrattamento da manuale. Classe 1954, nato a Milano, pensionato, il marito risulta incensurato. La moglie non lo aveva mai denunciato. Due giorni fa, il punto di non ritorno: la donna lo denuncia, racconta il passato violento, e il 69enne viene arrestato dai militari del nucleo Radiomobile della Compagnia di Sesto. Ora si trova al carcere di Monza e dovrà rispondere delle accuse di lesioni aggravate, minaccia e maltrattamenti. 

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro