Omicidio Giulia Tramontano, la mamma: “Impagnatiello diceva di volere un figlio, poi ci ha ripensato. Mia figlia tornò a casa perché lui aveva un’amante”

Milano, durante l’udienza del processo, Loredana Femiana racconta l’altalena del barman riguardo la gravidanza. Poi, la disperazione: “Non sto bene, non ho più una vita”

Milano, 7 marzo 2024 - Si è tornati in aula, questa mattina, per una nuova udienza del processo ad Alessandro Impagnatiello, imputato per l’omicidio dell’ex compagna Giulia Tramontano, uccisa al settimo mese di gravidanza, lo scorso 27 maggio, a Senago, nel Milanese.  

Alessandro Impagnatiello, GiuliaTramontano con sua mamma Loredana
Alessandro Impagnatiello, GiuliaTramontano con sua mamma Loredana
Approfondisci:

Omicidio Giulia Tramontano, le lacrime dell’altra ragazza di Impagnatiello: dalla festa di compleanno all’aborto. “Da lui solo bugie”

Omicidio Giulia Tramontano, le lacrime dell’altra ragazza di Impagnatiello: dalla festa di compleanno all’aborto. “Da lui solo bugie”

Oggi, davanti ai giudici della Corte d’Assise di Milano, ha testimoniato Allegra C., la ragazza italo-inglese con cui Impagnatiello ha portato avanti una relazione parallela a quella con Tramontano. Chiamate a deporre anche la sorella e la madre di Giulia Tramontano, così come la madre e il fratello di Impagnatiello. 

Approfondisci:

Omicidio Giulia Tramontano, al processo il racconto tra le lacrime dell’altra ragazza di Impagnatiello: “Ho provato a salvarla”

Omicidio Giulia Tramontano, al processo il racconto tra le lacrime dell’altra ragazza di Impagnatiello: “Ho provato a salvarla”

La mamma di Giulia Tramontano

Dopo oltre due ore di deposizione di Allegra C., l’udienza è ripresa con la deposizione di Loredana Femiano, la mamma di Giulia, parte civile, che è intervenuta in qualità di testimone.  Prima di arrivare in Tribunale, questa mattina, la donna aveva postato sul suo profilo Instagram una storia nella quale aveva ripreso un post della figlia, risalente al 20 marzo 2019. La 29enne scriveva: “L’uomo potrà sfuggire alla giustizia umana ma non a quella divina”. Accanto, Femiano aveva aggiunto poche parole: “E’ il momento di cambiare le cose, oggi in aula combatteremo per te”. Anche l’altra figlia, Chiara, aveva voluto ribadire: “Ergastolo” per Impagnatiello.

I post Instagram della mamma e della sorella di Giulia Tramontano
I post Instagram della mamma e della sorella di Giulia Tramontano

“Alessandro disse che voleva un figlio presto”

La mamma di Giulia ha raccontato in aula la figura di Alessandro Impagnatiello: “Quando lui è venuto a trovarci a casa per conoscere la famiglia, disse: 'io voglio da Giulia un figlio entro il 2022 al massimo’. Noi ci facemmo anche una risata, perché dicevamo 'fate già programmi di questo tipo?’”.

“Giulia mi disse che lui non voleva il bambino”

Nel dicembre del 2022, poi, la notizia della gravidanza, di cui la ragazza ha parlato subito con la madre al telefono. "Ho parlato con lui e lui il bambino non lo vuole mi racconta Giulia. Forse io sono una mamma che cerca il lato buono delle cose e le dico 'magari si è spaventato, non fasciarti la testa'. L'indomani mia figlia mi richiama e dice: 'ne abbiamo parlato, tutto bene, stai tranquilla'. Questa calma apparente dura qualche giorno, lui si rimangia tutto: 'mi ha detto che non lo vuole più'”.  Un travaglio che ha portato Giulia a rivolgersi anche a un consultorio e a considerare l'idea di interrompere la gravidanza, un'ipotesi che per la mamma “non è un'idea condivisa, ma una resa” di fronte a un compagno che non si decide. “Tu cosa vuoi?, le ho chiesto. Tu una famiglia ce l'hai, sei autonoma, quello che decidi noi ci siamo'” sono le parole della donna che dal banco dei testimoni ha cercato di non farsi travolgere dalle emozioni. “Alessandro mi chiamò e gli dissi: hai finito questa altalena? Lui rispose 'Io ho paura, ho paura, io avevo altri progetti. Non posso pensare di avere un figlio, se torna al Sud io poi non posso crescere mio figlio. Ti chiedo perdono ma io il bambino non lo voglio'”' ha aggiunto la teste.

La confessione: “Lui ha un’altra”

Prosegue il racconto della mamma della vittima: “In una videochiamata Giulia confessò a me e mio marito che Alessandro aveva una relazione con un'altra donna. E ci disse: ‘torno a casa il 12 febbraio ma vi chiedo di non chiedermi nulla, voglio solo distrarmi, non sto nemmeno bene fisicamente’. Ero stanca anch'io di soffrire per mia figlia, i figli ti fanno entrare nelle loro vite ma non ti fanno decidere al loro posto. Ero sconvolta quanto lei'”. Poi lui ha ritrattato ancora sull'altra relazione, “io ero sfinita da mamma, non oso immaginare lei…”. Dal 12 al 25 Giulia è rimasta a Sant'Antimo. Poi è risalita e sono ricominciati i problemi”. 

La festa per il nascituro

“A metà marzo del 2023 - ha continuato Loredana Femiano durante la sua deposizione - ci fu una festa per il nascituro. Noi da Sant'Antimo ci collegammo in video mentre in presenza c'era la famiglia Impagnatiello”. In quel momento, in aula è stato proiettato il video del baby shower dedicato al piccolo Thiago, registrato lo scorso 17 marzo. Per la prima volta nel corso della mattinata, l'ex barman, seduto nella 'gabbia’ in aula, ha alzato lo sguardo e tenuto gli occhi fissi sul video. Dopo pochi secondi, ha iniziato a singhiozzare.

“Giulia non rispondeva più, stavo impazzendo”

La madre di Giulia Tramontano ha raccontato cosa successe dal 27 maggio - giorno in cui la ragazza venne uccisa - in poi: “Dopo settimane di alti e bassi, dal 27 maggio Giulia non mi risponde più ai messaggi e io impazzisco, provo a cercarla dalle amiche e dalla sua futura suocera. Ricevo una telefonata da Impagnatiello che mi dice 'Lore, Giulia è scomparsa perché ha saputo che ho un'altra donna, sto andando a fare una denuncia' e io rispondo sei un gran... Ora arriviamo, ce la portiamo a casa e tu non la rivedrai mai più. Arrivo nella casa di Senago e resto sconvolta c'era tutto di Giulia in casa era evidente che non se ne poteva essere andata".

“Eravamo disperati solo noi Tramontano”

“Da quando mia figlia è scomparsa - ha aggiunto a mamma di Giulia - solo noi come famiglia Tramontano ci siamo mossi per cercarla. Io ero disperata. La stessa disperazione non ho visto in Alessandro. Ci siamo occupati di tutto noi anche dopo, quando è stata ritrovata morta”.

L’auto di Impagnatiello

Femiano ha anche parlato della vettura di Impagnatiello: “Ho dato mandato ai miei legali di chiedere il sequestro dell'auto su cui mia figlia è stata trasportata morta, bruciata, in un sacco. Voglio che quell'auto sia rottamata. So che ora la usa la compagna del fratello di Impagnatiello. Vi rendete conto che ci sale ancora qualcuno della famiglia Impagnatiello?”

“Non sono più una mamma”

Non stiamo bene. Io e mio marito abbiamo delle difficoltà. Vedere i bambini mi mette un'angoscia immane”, ha detto ancora Loredana Femiano. “Non dormiamo, non usciamo più. Io non ho più una vita - ha detto -, ho perso una figlia e un nipote, ma anche i miei figli hanno perso una madre. Io non sono più una mamma”. Con l'inizio del processo “le cose sono anche peggiorate perché si ricomincia a parlare di Giulia.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro