Nubifragio, alberi storici salvati dalla metro ma abbattuti dal vento a 100 km/orari

Nel 2015 abitanti di corso Plebisciti erano riusciti a far approvare delle varianti al progetto della linea 4 per salvare parte delle piante monumentali, sradicate però nella notte. A Lambrate persi platani del 1920

Alberi con decine di anni non hanno resisto alle violente raffiche di vento
Alberi con decine di anni non hanno resisto alle violente raffiche di vento

Milano, 25 luglio 2023 - La tempesta ha abbattuto anche la memoria silenziosa di alcuni alberi storici di Milano verso i quali chi abita in questa città nutre una amore ostinato tanto da scendere in piazza quando le amministrazioni vogliono buttarli giù perché sono malati o pericolanti.

Gli alberi di corso Plebisciti trafitti dalle sciabolate di vento a ben oltre i 100 all'ora nella notte custodivano una di queste storie di resistenza da raccontare.

Salvati dalla metro, abbattuti dal vento

Nel 2015 sotto la spinta degli abitanti del quartiere la giunta approvò delle varianti al progetto della linea 4 della metropolitana, inaugurata qualche settimana fa, per salvarne almeno una parte.

Tutti no: impossibile altrimenti scendere sottoterra per costruire la linea blu. Ma alcuni sì: tosti, con una corteccia dura e antica. Ed eccoli adesso giacere su un fianco, accanto alla pista ciclabile: le radici all'aria, le chiome del verde lucido che questa estate generosa di acqua, dopo quella taccagna dell'anno passato, gli aveva donato. Anche in piazza Rimembranze si è spento un pezzo di storia del quartiere di Lambrate.

114 platani del 1920

Una decina di persone circondano un platano riverso al suolo, lungo lungo, con le radici che appaiono un po' striminzite per un fusto così imponente. "Ha almeno 70 anni" – spiega una signora. Il vento ha devastato questa piazza tonda, spazio di incontro nel quartiere coi tavolini da ping pong e un campo di bocce, che ha una storia legata proprio alle piante.

Nel 1920 vennero messi 114 platani, ognuno dedicato a un caduto di guerra lambratese. Qualche anno fa il Municipio ha ripiantato quelli morti per tornare al numero originario. "Mamma poi tornerà in piedi questo albero?" chiede un bambino alla madre osservando il gigante a terra e ricevendo in cambio il silenzio di chi non sa come dire al figlio che ha perso un nonno tanto silenzioso quanto prezioso.