Multe ticket. Ok unanime alla sanatoria

Il Consiglio regionale di Milano ha votato all'unanimità per estendere le agevolazioni del 2024 a chi ha commesso errori di buona fede nell'uso delle esenzioni sanitarie. La mozione bipartisan mira a evitare multe a pensionati e disoccupati confusi sui parametri di gratuità.

Alla fine del Consiglio regionale di ieri è stata approvata all’unanimità la mozione che "impegna" la Giunta a estendere per tutto il 2024 le agevolazioni rinnovate di anno in anno almeno dal 2017 per evitare le multe a chi ha usufruito di esenzioni dai ticket per visite, esami o farmaci pur non avendone diritto. "Errori di in buona fede", sostiene anche lo Spi Cgil, sponsor storico della battaglia, commessi da pensionati e disoccupati che si sarebbero confusi per il cambiamento dei parametri per la gratuità delle prestazioni. Anche quest’anno potranno differire il pagamento delle multe che le Ats non possono evitare di comminar loro e accedere al "ravvedimento operoso", regolando spontaneamente la propria posizione al solo costo dei ticket non pagati più gli interessi di legge.

La mozione, nata già bipartisan con le firme dei consiglieri dem Miriam Cominelli e Davide Casati accanto a quella dell’ex assessore al Welfare Giulio Gallera di Forza Italia, era slittata la settimana scorsa ed è stata ripresentata con le firme di tutti i capigruppo, di maggioranza e di opposizione. "Nell’interesse dei lombardi si sono create le condizioni per un provvedimento condiviso, non era scontato", ha osservato la proponente Cominelli. Gi. An.

Gi. Bo.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro