Quotidiano Nazionale logo
26 apr 2022

"Milano ricordi il nonno. La via? Al Portello"

L’appello dei nipoti di Ugo Gobbato, capo dell’Alfa ucciso 77 anni fa. La Fondazione Kuliscioff “chiama” consiglieri e Giunta

diandrea gianni
Cronaca

di Andrea Gianni "Una via di Milano intitolata a mio nonno? Sarebbe una bella idea, anche per ricordare la sua figura di pioniere dell’industria automobilistica e innovatore". Davide Pozzi, milanese, è uno dei 18 nipoti dell’ingegnere Ugo Gobbato, direttore generale dell’Alfa Romeo ucciso a colpi di pistola il 28 aprile 1945. Settantasette anni dopo l’agguato in zona Fiera, uno dei fatti di sangue nei giorni che seguirono la liberazione dell’Italia dal nazifascismo, la Fondazione Anna Kuliscioff ha lanciato un appello per dedicare un luogo di Milano al dirigente d’azienda, "dimenticato" dalla città dove operò negli ultimi anni di vita e dove fu ucciso. Appello, lanciato sul Giorno, che è stato rivolto formalmente dal presidente della fondazione, Walter Galbusera, anche a consiglieri comunali e Giunta. Il primo passo per costituire un comitato promotore. A Gobbato, “padre“ del Lingotto di Torino e organizzatore della prima catena di montaggio in Europa, è stato dedicato lo stadio comunale di Pomigliano D’Arco e la sala del Consiglio comunale di Volpago del Montello, suo paese natale in Veneto. Manca invece, a Milano, un luogo alla memoria di una vittima innocente. "Una lacuna che ora potrebbe essere colmata – prosegue il nipote, Davide Pozzi –. Per noi l’ideale sarebbe dedicargli una via o un giardino nella zona del Portello, dove si trovava lo stabilimento dell’Alfa che il nonno salvò dal fallimento nel 1933. Sarebbe interessante studiare e preservare le carte sulla sua attività custodite negli archivi della casa automobilistica". Un intento condiviso anche da Marino Parolin, concittadino appassionato promotore della sua figura, e dai numerosi discendenti di Gobbato, 75 fra nipoti e pronipoti sparsi fra Milano, Torino e il Veneto. Ugo Gobbato e la moglie Dianella Marsiaj avevano infatti sei figli: Anna Franca, Piero, Bianca, Tito, Anna Josè Memi e Giovanna. Tre di loro, nel dopoguerra, sono stati dirigenti ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?