Quotidiano Nazionale logo
17 feb 2022

Magenta come Londra? Munib Ashfaq ci crede

Il candidato del partito "Nuova Italia" vuole diventare il primo sindaco di fede islamica, e punta su sicurezza e tutela delle donne

graziano masperi
Cronaca
Munib Ashfaq è nato in Pachistan 35 anni fa ed è il segretario del movimento politico «La Nuova Italia»
Munib Ashfaq è nato in Pachistan 35 anni fa ed è il segretario del movimento politico «La Nuova Italia»
Munib Ashfaq è nato in Pachistan 35 anni fa ed è il segretario del movimento politico «La Nuova Italia»

di Graziano Masperi Sarà Munib Ashfaq il primo candidato sindaco nella città di Magenta nato in un Paese straniero. Si è presentato ufficialmente l’altra sera insieme ad alcuni componenti del movimento La Nuova Italia. Nato in Pakistan 35 anni fa, in Italia da quando ha 14 si è diplomato all’Istituto Einaudi di Magenta in Ragioneria e lavora in uno studio contabile. È sposato e ha tre figli. "Abbiamo scelto di correre da soli senza appoggiare nessuno – ha detto Ashfaq – Siamo consapevoli del fatto che si tratta di una scelta coraggiosa. Abbiamo ricevuto delle proposte da possibili liste che vorrebbero presentarsi a Magenta, ma il rischio che temiamo apparentandoci con altri è di perdere la nostra identità e le motivazioni che ci hanno spinto a far nascere questo movimento". Ashfaq tiene a precisare che il movimento, nato dalla negazione di un diritto (luogo di culto) non sarà un partito islamico, ma aperto a chiunque. "La nostra lista avrà alcuni obiettivi fondamentali – ha aggiunto– tutelare le fasce deboli della popolazione e garantire l’uguaglianza e il rispetto per tutti. Ma, prima di ogni cosa, lavoreremo per eliminare i pregiudizi che ancora ci sono". Non intende nascondersi. Per questo il primo punto del programma sarà il rispetto delle minoranze etniche e religiose. "Intendiamo dare attuazione al Pgt vigente mettendo a bando l’area F – ha spiegato Ashfaq – con un intervento di verde urbano in via Walter Tobagi e la realizzazione di un insediamento di attrezzature religiose. Ma sia ben chiaro. La nostra volontà di candidarci è dettata dalla voglia che è nata in ognuno di noi di lavorare per contribuire a far crescere Magenta. La città che ci ha ospitato e nella quale molti di noi vivono da anni". Un punto del programma sarà dedicato alla tutela delle donne. Un aspetto ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?