Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
22 feb 2022

Milano, la presa del Volta: decima occupazione

Blitz prima della campanella: prof e preside restano fuori. Poi il compromesso: "Concederemo alcuni spazi mentre lottiamo per cambiare"

22 feb 2022
simona ballatore
Cronaca

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

Milano - Si sono presentati una ventina di minuti prima della campanella e hanno sbarrato l’ingresso, lasciando fuori sia i docenti sia il preside Domenico Squillace. "Volta occupato": lo striscione che sventola sul liceo scientifico di via Benedetto Marcello. Non accadeva da 11 anni. Ed è la decima occupazione, dopo quelle al classico Manzoni, al Severi Correnti, al Carducci, al Vittorio Veneto, al Parini, al Bottoni, dopo le proteste in corso tra Boccioni e Cremona Zappa, e dopo il blitz lampo al classico Beccaria. Parallelamente è in autogestione pure il polo civico Manzoni. Resteranno lì giorno e notte fino a sabato, promettono dall’assemblea plenaria del Volta. Anche se dopo il dialogo aperto col dirigente si è concordato che oggi "concederanno alcuni spazi ai docenti", giusto il tempo di avviare i gruppi di lavoro autogestiti. Alla base rivendicazioni nazionali e rivendicazioni voltiane: tra le prime, l’alternanza scuola-lavoro da rivedere ma pure il sistema di valutazione. Tra le motivazioni più “locali“, classi-pollaio ed edilizia scolastica: hanno aperto un dossier via Instagram postando le foto-prova di una "scuola che cade a pezzi" o al freddo per le caldaie a singhiozzo.

"È un edificio degli anni Trenta, ovvio che andrebbe buttato giù e ricostruito, sulle classi-pollaio però ricordo che potremmo scendere con i numeri al biennio, ma saremmo meno accoglienti", sottolinea il preside Squillace. Che non si fermerà a scuola, come hanno fatto altri dirigenti scolastici. "Non andrò a rimboccare le coperte, ciascuno ha il suo ruolo e le sue responsabilità – dice il preside –. L’occupazione è un atto di forza, è mia responsabilità segnalarlo alla polizia, ma non sarò io a decidere se sgomberare o meno il liceo. Abbiamo raggiunto un accordo per entrare, le stesse rivendicazioni si sarebbero potute portare avanti come gli altri anni, con la cogestione, e ne stavamo già parlando".

A monte dell’occupazione - come accaduto per le altre scuole - un sondaggio interno. "Abbiamo chiesto quali fossero le problematiche più urgenti – spiegano dall’assemblea del Volta –, non abbiamo mai visto tanta partecipazione: hanno risposto in 900 persone su 1.200. Le prime 400 risposte sono arrivate in mezz’ora e hanno confermato le rivendicazioni, il 70% è convinto per esempio che l’alternanza scuola-lavoro debba prendere un’altra direzione. La stragrande maggioranza degli studenti era d’accordo con l’occupazione, ovviamente resterà il dialogo con la presidenza e, come concordato, domani (oggi per chi parla, ndr) i docenti potranno entrare anche se parallelamente organizzeremo i nostri gruppi di lavoro". Circa 80 studenti resteranno a dormire e hanno intenzione di darsi il turno. "Ci sarà uno scambio naturale e solidale mentre in giornata le assemblee entreranno nel vivo. È un momento formativo ma è soprattutto un atto politico, un’azione differente rispetto all’autogestione o alla cogestione, una lotta che riguarda tutte le scuole d’Italia", conferma il portavoce.

Giornata di proteste anche in università: alla Statale di via Festa del Perdono blitz di Studenti Indipendenti contro la sospensione per un anno del corso di laurea in Mediazione Linguistica e Culturale, andato in overbooking dopo l’eliminazione del test d’ingresso. Chiedono alternative, più spazi e docenti. "La soluzione non può essere escludere dal corso le persone del quinto anno delle superiori, sarebbe lesivo del diritto allo studio", sottolinea Sofia Berthod, studentessa del liceo linguistico Varalli.
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?