MARIANNA VAZZANA
Cronaca

L’asilo nel limbo: "I nostri figli respinti". L’ira di mamme e papà davanti alle graduatorie

Scuola dell’Infanzia di via Gentilino, "no" alle nuove iscrizioni "Nessuno ci ha informati, ora il polo è destinato alla chiusura?". Il Comune: "Immobile privato, nostra disponibilità ad acquistarlo".

L’asilo nel limbo: "I nostri figli respinti". L’ira di mamme e papà davanti alle graduatorie

L’asilo nel limbo: "I nostri figli respinti". L’ira di mamme e papà davanti alle graduatorie

"Alla scuola dell’Infanzia comunale di via Gentilino 4/A non sono stati accettati nuovi bambini per il prossimo anno scolastico. Com’è possibile? Eppure l’open day si è tenuto regolarmente. La struttura, che è un’istituzione nel quartiere, verrà chiusa?". È la domanda di mamme e papà della zona Ticinese. "Una doccia fredda", dicono diversi genitori che avevano indicato la sede “Gentilino“ in cima alle preferenze per iscrivere i propri bimbi di 3 anni. Un desiderio dettato dalla vicinanza alla propria abitazione e anche dal fatto che alcune famiglie hanno (almeno) un altro bambino che già frequenta quel polo educativo, che accoglie piccoli da 3 a 6 anni. La sorpresa risale ad alcuni giorni fa, quando sono state pubblicate le graduatorie. "Per l’esattezza a giovedì. Mia figlia – racconta una mamma – non è stata presa e così anche gli altri suoi compagni del nido. Accettato un solo nuovo iscritto, probabilmente un trasferimento. All’inizio ho pensato a un errore ma così non era, perché il giorno dopo mi è arrivata una mail dal Comune in cui mi veniva comunicato che mia figlia fosse stata assegnata alla scuola Brunacci. Ed effettivamente, cosa di cui ci siamo accorti in seguito, già nel bando veniva indicato un solo posto disponibile. Nei prossimi giorni dovrò decidere cosa fare. Così anche le altre famiglie. Eppure dalla scuola Gentilino quest’anno usciranno una quarantina di bambini di 5-6 anni, i posti ci sarebbero".

Un disagio: "Ci sono famiglie che si ritroveranno ad avere un figlio in via Gentilino, nel plesso che già frequenta, e un altro in via Barrili, al quartiere Stadera. Serviranno due baby sitter?". I genitori si stanno mobilitando, intenzionati ad avere risposte ufficiali su quale sarà il destino dell’asilo. Il destino, apprendiamo da Palazzo Marino, è legato alla proprietà dell’immobile, che non è comunale: il Comune, ora in affitto, ha espresso disponibilità ad acquistarlo – perché il contratto non è rinnovabile – ma ancora non si sa se l’acquisizione andrà in porto. Per questo non sono stati accettati nuovi iscritti. Ma "per tutte le bambine e i bambini che già frequentano la struttura – si legge in una lettera inviata alle famiglie –, l’impegno è quello di garantire la prosecuzione del percorso educativo avviato nella scuola dell’Infanzia. Abbiamo limitato il numero dei posti presso la struttura educativa di via Gentilino 4/A perché a oggi non abbiamo la certezza di poter garantire la conclusione del percorso all’interno della scuola per i bambini e le bambine che iniziano a settembre 2024". A che punto è l’iter per l’eventuale acquisizione della struttura? "L’interlocuzione – spiega ancora il Comune – è in fase iniziale e non ci sono ancora certezze. Occorre precisare che i posti disponibili per le nuove iscrizioni nelle scuole dell’infanzia del Comune sono superiori alle richieste delle famiglie".

I genitori sottolineano che "nella zona ha già chiuso una scuola dell’Infanzia, qualla di via Rimini 258, 12 anni fa. Aspettiamo ancora la riqualificazione e la riapertura. Gli alunni erano stati accolti in via Brunacci. Ora si dovranno “spalmare“ in altri plessi pure quelli di via Gentilino?".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro