La gestione dei rifiuti passa alla Cem "Puntiamo a ridurre l’indifferenziato"

La gestione dei rifiuti passa alla Cem  "Puntiamo a ridurre l’indifferenziato"

La gestione dei rifiuti passa alla Cem "Puntiamo a ridurre l’indifferenziato"

È attivo da oggi, su tutto il territorio comunale, il servizio di igiene urbana affidato a Cem Ambiente, la società pubblica che gestisce la raccolta in 72 Comuni del territorio lombardo. "Questo cambio di gestione – ha dichiarato il sindaco Gianni Fabiano – è il punto culminante di un lavoro durato anni. Il passaggio a Cem è stato fortemente voluto dalla nostra amministrazione ed è un traguardo che perseguo dal 2012, quando ero assessore all’Ambiente, perché sono convinto che essere seguiti da un centro di eccellenza di tale portata può portare enormi benefici. Già possiamo vedere i primi frutti di questa partnership: la Tari sarà meno pesante di quanto ci si potrebbe aspettare, dato l’aumento esponenziale dei costi verificatisi nell’ultimo anno, grazie alla decisione di Cem di destinare una parte degli utili ad abbattere di 8 punti percentuali Istat le tariffe, in modo da contenere a ribasso l’aumento delle bollette".

"Il passaggio a Cem Ambiente consentirà ai cittadini di Mediglia di usufruire di un servizio più innovativo e conveniente – ha spiegato il presidente di Cem Alberto Fulgione – sia grazie alle economie di scala offerte da una realtà come la nostra che ai nuovi obiettivi che ci proponiamo di raggiungere. Lavorando meglio sulla differenziazione dei rifiuti, infatti, sarà possibile ridurre la quantità di “secco“ prodotto da ogni persona, con benefici sia economici che ambientali. Tutto questo avverrà anche grazie a un progetto nuovo per la città che, in accordo con il Comune, vorremmo introdurre dal prossimo anno, l’ecuosacco, il sacco rosso prepagato per la raccolta del secco che, come successo negli altri Comuni, porterà a una crescita importante della raccolta differenziata e a una riduzione del secco prodotto".

La media di raccolta differenziata nei Comuni soci si attesta infatti intorno all’82%, 10 punti in più di quella regionale, mentre l’adozione dell’ecuosacco nei 42 Comuni che lo hanno adottato ha permesso di ridurre la quantità di secco conferito a 50 chili annui per abitante, permettendo di restituire 9,1 milioni di euro ai Comuni aderenti. "I nostri cittadini hanno un buon senso civico – ha rimarcato l’assessore all’Ambiente Francesco Boerchi –, non sono previsti cambiamenti drastici. Le principali novità sono rappresentate dal potenziamento dello spazzamento strade, da 4 a 5 giorni alla settimana, dal servizio di raccolta del verde porta a porta attivo tutto l’anno e dall’accesso alla piattaforma ecologica di Colturano a integrazione di quello già attivo a Pantigliate".

Valeria Giacomello