La coltellata dell’incappucciato. Insegnante di Segrate colpita con un fendente alla coscia al ritorno dalle ferie con le figlie

Ricerche a tappeto per rintracciare il marito che avrebbe precedenti specifici. Le due ragazze erano entrate nell’autogrill, la madre nell’auto quando è scattato il raid.

La coltellata dell’incappucciato. Insegnante di Segrate colpita con un fendente alla coscia al ritorno dalle ferie con le figlie
La coltellata dell’incappucciato. Insegnante di Segrate colpita con un fendente alla coscia al ritorno dalle ferie con le figlie

Agguato in autostrada: donna è stata accoltellata in un’area di servizio e l’autore potrebbe essere stato l’ex marito. La vittima, una insegnante di 58 anni, stava rientrando a Segrate dopo aver trascorso il Natale dai familiari a Cerveteri, in provincia di Roma, quando è stata aggredita da un uomo incappucciato che l’ha accoltellata a una gamba.

Una storia che sembra essere un ennesimo caso di violenza contro una donna. Non è uscluso che ad accoltellarla possa essere stato l’ex marito.

La donna, che vive a Segrate, ieri pomeriggio intorno alle 14.15 ha fatto una sosta all’autogrill dell’area di rifornimento Bisenzio est, fra Firenze e Prato. Stava viaggiando a bordo della sua auto in compagnia delle figlie di 31 e 29 anni.

Mentre lei attendeva in auto, le due ragazze sono entrate all’interno dell’Autogrill. Ed è stato proprio in quel frangente che l’aggressore si è avvicinato all’auto, ha aperto la portiera ed ha accoltellato la donna ad una gamba. Dopo l’aggressione l’uomo, che indossava una felpa con cappuccio, è fuggito riuscendo a fare perdere le proprie tracce.

Immediatamente è stato lanciato l’allarme. Le due ragazze non avrebbero visto nulla. Sul posto sono intervenuti i soccorsi sanitari che hanno prestato le prime cure alla donna che è stata trasportata al pronto soccorso dell’ospedale fiorentino di Careggi. Le sue condizioni, per fortuna, non sono gravi e nel tardo pomeriggio di ieri è stata dimessa.

Nell’area di servizio di Bisenzio Est sono intervenute le pattuglie della polstrada e la polizia scientifica per i rilievi del caso. L’area di servizio è dotata di numerose telecamere di videosorveglianza, le cui immagini sono state visionate in queste ore per tentare di ricostruire il fatto e ottenere indizi decisivi per indirizzare le indagini.

Ancora non è chiaro chi sia l’aggressore. L’insegnante di Segrate era separata dall’ex marito, che ha dei precedenti per lesioni personali in ambito familiare, e fino a inizio mese di dicembre era alla messa in prova.

L’uomo, a quanto appreso, sarebbe irreperibile. Le forze dell’ordine stanno indagando per capire se sia coinvolto, direttamente o indirettamente, nell’aggressione. L’aggressore avrebbe seguito la vittima per diversi chilometri in auto, prima di passare l’azione.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro