Quello relativo all’ospitalità del proprio animale domestico è diventato il filtro di ricerca più selezionato su Airbnb. E la piscina ha superato il wi-fi, cosa impensabile fino a pochi mesi fa. Segnali di un cambio di tendenza dettato dall’emergenza sanitaria che, inevitabilmente, ha avuto ripercussioni anche sulle vacanze, "più simili alla villeggiatura anni ’60". Gli...

Quello relativo all’ospitalità del proprio animale domestico è diventato il filtro di ricerca più selezionato su Airbnb. E la piscina ha superato il wi-fi, cosa impensabile fino a pochi mesi fa. Segnali di un cambio di tendenza dettato dall’emergenza sanitaria che, inevitabilmente, ha avuto ripercussioni anche sulle vacanze, "più simili alla villeggiatura anni ’60". Gli sposatamenti, secondo l’analisi delle ricerche e prenotazioni sulla piattaforma, sono su uno spazio ridotto: le famiglie viaggiano in auto e portano con sè il cane o il gatto. Si allungano invece i tempi, con meno vacanze brevi rispetto all’anno scorso. Si cercano spazi, effetto smart working, dove all’occorrenza è possibile anche lavorare. Di fronte al pericolo di spiagge affollate o a numero chiuso, la piscina diventa però uno dei requisiti più richiesti. In generale gli italiani prenotano vacanze in Italia, mancano ancora gli stranieri anche se "si ricominciano a registrare flussi da Paesi vicini come Germania, Austria e Francia", sottolinea Giacomo Trovato, country manager di Airbnb Italia. E questo penalizza città come Milano, dove il turismo è da sempre legato all’estero.

Per questo le località che si stanno riprendendo per prime sono Trentino Alto Adige, Valle d’Aosta, Toscana, Sicilia, Sardegna e Puglia, ma anche città d’arte come Venezia che ora attirano più italiani rispetto alla media. Il volume di traffico su Airbnb nel mese di giugno è aumentato del 115% rispetto a maggio. Le ricerche su Airbnb indicano che l’82% degli italiani quest’anno trascorrerà le vacanze in Italia, contro il 55% dell’anno scorso. Complice la necessità di distanziamento sociale, il 62% degli italiani infatti opterà per soluzioni completamente indipendenti. Le prenotazioni di italiani su Airbnb nella settimana del 22 giugno sono state significativamente superiori a quelle della stessa settimana dell’anno scorso (+58%).

Andrea Gianni