MASSIMILIANO MINGOIA
Cronaca

Il restyling di San Siro. La sovrintendente apre

Progetto Fenyves: l’architetto, Tancredi e De Chirico hanno incontrato Carpani. Commenti positivi. Mercoledì piano in Commissione. Squadre alla finestra.

Il restyling di San Siro. La sovrintendente apre

Il restyling di San Siro. La sovrintendente apre

Un piccolo passo avanti sulla strada assai tortuosa del restyling dello stadio di San Siro. Martedì il progetto di restyling del Meazza firmato dall’architetto Giulio Fenyves (studio Arco Associati) è stato presentato, tavole e rendering alla mano, alla sovrintendente milanese Emanuela Carpani. Sì, proprio a colei che ha deciso di porre un vincolo sul secondo anello del Meazza, vincolo contestato dal Comune con un ricorso al Tar: la sentenza di merito dei giudici amministrativi di primo grado è attesa il prossimo 14 marzo.

La delegazione che si è recata dalla sovrintendente era formata, oltre che dallo stesso Fenyves, dall’assessore comunale alla Rigenerazione urbana Giancarlo Tancredi e dal capogruppo di Forza Italia Alessandro De Chirico, colui che ha dato il là a questa nuova proposta per provare a far rimanere nella Scala del calcio Milan e Inter, che invece, attualmente, stanno lavorando a due progetti su aree fuori Milano: i rossoneri sono già avanti nell’iter urbanistico per costruire la loro nuova casa a San Donato Milanese, i nerazzurri dovranno decidere entro aprile se confermare o meno la prelazione su un’area del gruppo Cabassi a Rozzano.

De Chirico, intanto, racconta che "l’altro ieri (martedì ndr) abbiamo mostrato alla sovrintendente Carpani tutte le tavole del progetto che sveleremo mercoledì prossimo durante la commissione Sport già fissata per un confronto in Comune. I commenti della sovrintendente sono stati molto positivi". Il Foglio riferisce che Carpani avrebbe definito "una meraviglia" la proposta di restyling pensata da Fenyves, un progetto da 300 milioni di euro – illustrato sul Giorno del 20 gennaio – che secondo l’architetto potrebbe essere realizzato anche in caso di conferma di vincolo e consentendo di far rimanere Milan e Inter a giocare a San Siro durante i lavori, visto che questi ultimi sarebbero condotti a lotti, diminuendo di poco la capienza dell’impianto in corso d’opera.

Ma Milan e Inter che ne pensano del progetto Fenyves promosso da De Chirico? Per ora i vertici dei due club hanno preso tempo: "Nessuno ci ha ancora illustrato il progetto". Dal fronte nerazzurro si è aggiunta una stoccatina ("lo stadio ristrutturato ha solo i colori rossoneri") provocata dal fatto che in due rendering svelati nei giorni scorsi il Meazza era tinto dei colori del Diavolo. "Giovedì, dopo la commissione comunale – annuncia De Chirico – contatterò ufficialmente i club per fissare un appuntamento e illustrare loro, insieme all’architetto, il progetto nei dettagli". Il capogruppo azzurro, infine, motiva così l’incontro con Carpani: "Sarebbe stato sgarbato presentare il progetto in commissione prima di mostrarlo alla sovrintendente". Un piccolo passo avanti è stato fatto. Ma la strada verso il restyling di San Siro resta tutta in salita.