ROBERTO BRIVIO
Cronaca

Ciappà el tram per fà del ben

Il primo quotidiano che parla in dialetto. Ogni settimana lo sguardo affilato in decenni di satira di Roberto Brivio illuminerà angoli della Grande Milano di oggi

Donazione sangue

Donazione sangue

Milano, 13 giugno 2019 -

Con questo racconto Roberto Brivio, il Cantamacabro dei Gufi, chitarra, fisarmonica e voce del mitico gruppo dialettal-cabarettistico che animava la Milano degli anni ’60, inizia una collaborazione col Giorno. Ogni settimana il suo sguardo affilato in decenni di satira, esercitata come attore, scrittore e chansonnier, illuminerà angoli della Grande Milano di oggi: i suoi vizi, le sue virtù e soprattutto la sua gente, da raccontare con irriverenza e tenerezza, come sa fare lui. E in lingua madre: il dialetto milanese.

La television imperversa cont la raccolta di danè, basta telefona’ al 45… ecc. Anca l’altra sera el spettacol di canzon i e tirava su per i francescan. Gh’è de daghii volentera perché offren past e servizi vari tra i quai wc, docc, vestii, a on sacc de pover tant che mi voraria fa’ bigliett cont stampà indirizz de doa se po’ andà a rifocillass senza pagà on ghell e distribuii a quej che in metrò ostenten el cartell “Ho fame” “ Ho famiglia da sfamare”. Hoo provà ona volta, inveci, de andàgh de corsa, el tipo che ‘l diseva per scritt de avegh el stomich voeuj, el m’ha mandà a da’ via el….beh, lassem perd. Gh’è on’organizzazion che la domanda no danè ma sangh. Sangh per i malà che ghe n’hann bisogn, sangh per i trasfusion, sangh sangh e domà sangh. L’è quella presieduda da un scior, che l’è giamò compars in di me articol perché se merita ogni attenzion e se questa l’è ona foto, on articol, ona menzion, che la vegna. L’è Renato Dal Compare. El conoss tucc i artisti de Milan, pittor, scultor, scrittor, attor, e anca quej de passagg, i e intruppa, i e reuniss, i e cjama e per propagandà i donazion de sang de la relativa raccolta dell’Ospedal Sacco e collegaa, ghe fa fa’ gir de Milan in carrozza, spettacol in sede e in alter teater, spedizion propagandistich in tram per la durada de tutta ona giornada.

Stavolta l’è per el 14 de Giugn, doman, Venerdì, se me sbagli no. El tram el tacca a corr cont i artisti dai noeuv (9) ai dersett (17) e per tutta la giornada scarega e carega personagg important, cantant, intrattenidor, cabarettist ma’sc e femminn e va in gir per la città cont i so’ bej cartej che inviden la popolazion a donà el sang. L’è minga ona roba de vampir. In vun di me raccont del terror intitolà “la morte di Dracula”, me figuri ‘sto tegnolon ch’ el sbusa i giugular” , tornà al so’ castell in Romania (me disen che el gh’ha niente de pauros come la Hammer film le descriv) in doa el troeuva on desmila damigian de sangh cont on cartell “Inscì te la pientet de andà in gir a romp i bal, pardon i ven, a la gent. Bev e inciuchisset.” El Draculun el tacca a bev cont la cannuccia allegada e intant mancand el terror el diventa on sempi collaudator e el moeur taccà a la canna, senza falla andà, come recita ona canzon popolar intitolada “spiga di grano”. Se on quaivun el vorariss saltà sul tram e uniss ai compagnon de la chanson e del spettacol, ch’el faga pur. Renato Dal Compare ghe derbarà la porta personalment insema all’Augusto Federici direttor ematologo del H Sacco, all’amis de semper e oncologo in pension Lucio Bertario, all’assessor Bolognini e alter autorità, second i fermad. In la vettura el ris’cia de trovà artist consolidaa che canten, che fan casin, che parlen, che fann i cori e che dai finestrin del tramvaj vosen ai curios, ai passant, a la città, al mond “venite al Sacco, al Fatebenefratelli, al Buzzi, al MacedonioMelloni e donate il vostro sangue. Ona siringada ona vita salvada. Duu siringad e ve darann el ‘pass’ per el Paradis. Tre’… ciappel ch’el gh’è. Ohi, l’azienda tramviaria inveci de daghel gratis, el tram, ‘sta volta ghe le fa’ pagà. Cont el scont del des per cent. Bella generosità caprina.

D'altra part la gh’ha reson anca lee. Inscì la podarà pagà la giornada ai guidator. La cifra de nolegg per ona giornada la corrispond giusta a circa a quatter pagh mensil. Ghe stà’ denter appèna appèna. E tutt perché lee la gh’ha minga bisogn de sangh, per i carrozz, ma de oli. Adess quand gh’avarann alzà el cost del bigliett el sangh le scisciarà dai viaggiator in diretta concorrenza cont i ospedal citaa. Donca regalà el sangh, l’è ona specie de salass che el farà ben anca ai donator oltre che mett el sangh in riserva per bisogn de quatter e quattròtt. Ona volta fada l’aspirazion te se sentet liberà. L’è on benefizi, olter a la soddisfazion de avè fa’ del ben. Te capì? Neo donator de tutti i qualità? Inveci de passà i giornad al supermercaa, come te fet abitualment, da quand , olter che pont de vendita, l’è diventà ritrovo per scambiass quatter ciaccer, pàssela in di ospedal, fass cavà foeura di ven la quantità necessaria e te gh’avaret fa’ la bonna azion per quel famos “pass” per el paradis che hoo amalastant accennà.

Se poeu voeurom fa’ de l’ umorismo, cominciom dai titol: “World Blood Donor Day” dal sottotitol “celebrating your gift ol blood” e poeu ancamò “Safe blood for all”. Capissi che l’è ona giornada mondial, ma allora l’era mej adoperà el milanes che pussè mondial ghe n’è no. \14 Giugn “Giornada mondial del Donator de sangh” celebrazion del to’ sangh regalà… Sangh sicur per tucc” L’è o no pussè comprensibil? Pensa che se derba ona finestra noeuva de moeud de dì che nissun el sa: “Va’ a da via el sangh” la sarà pu ‘ ona espression ingiuriosa’, ma ona preghiera a la donazion. “Sang buient” el se riferirà no a la sessualità ma al fatto che l’è lì scottent in attesa de vess aspirà per ona donazion, e depoeu sanguin per chi ghe n’ha tanto, quanto? Esagera: 10.000 liter?, sanguanent , sanguanà, sanguètta, per arrivà al busecchin, ma quest l’è n’antra roba.