Film del 1983 diretto da Pasquale Festa Campanile, con Renato Pozzetto
Film del 1983 diretto da Pasquale Festa Campanile, con Renato Pozzetto

Milano, 17 marzo 2019 -

Con questo racconto Roberto Brivio, il Cantamacabro dei Gufi, chitarra, fisarmonica e voce del mitico gruppo dialettal-cabarettistico che animava la Milano degli anni ’60, inizia una collaborazione col Giorno. Ogni settimana il suo sguardo affilato in decenni di satira, esercitata come attore, scrittore e chansonnier, illuminerà angoli della Grande Milano di oggi: i suoi vizi, le sue virtù e soprattutto la sua gente, da raccontare con irriverenza e tenerezza, come sa fare lui. E in lingua madre: il dialetto milanese.

La memoria l’è semper curta. A volt vun el ricorda mal, oppur el se desmentega a pòsta. A volt convegn on ricord puttòst che ‘nalter. A volt el ricord l’è minga cjar e allora se improvvisa. Come l’ha improvvisà Renato nel dì che el Derby l’aveven fondà in ses. E poeu a la domanda “come si creò quell’ambiente magico?” el rispond “Per disperazion. Se semm incontrà in ona Milan improbabile. El cabaret allora el gh’era minga, gh’eren no pòst per esibiss, gh’eren no pòst per numm disperà. Al Derby ona pedana la bastava” e poeu ancamò, “prima i coniugi Mantegazza hann derbì el Cab 64, a cent meter da la Galleria” “ gh’hann invitaa a fa’ spettacol. Depoeu on ann Jannacci scrittura mi e Cochi per el Derby. Inscì el nass el Derby”. La mia memoria l’è pussè precisa. La storia l’hoo stampada in almen des liber compres “I mitici Gufi” de Michele Moramarco, compres “Che musica Milano” de Giordano Casiraghi, compres “ La canzone a Milano” de Andrea Pedrinelli. Eccola.

El derby l’ha fondà Enrico Intra in di primm ann ‘60. El Maester l’ha vorsù cjamall Intra’s Derby Club. Quand Enrico Intra l’è andà via l’è restà Derby club. La prima ondada de cabarettist l’è stada: Pupo de Luca, Silverio Pisu, Enzo Jannacci, Liliana Zoboli, Augusto Mazzotti ciamà el risiere, perché a comand el faseva ‘na ridada che coinvolgeva tutti i spettator, Velia Mantegazza e Franco Nebbia. Velia la gh’aveva on marì che el se cjamava, el se cjama, Tinin, giornalist e disegnador di vignett a La notte. Entri mi in la cottaria per cantà “Bevi Rosmunda bevi nel cranio vuoto del tuo papà”( Va Longobardo di Brivio/Albertarelli ediz. La voce del Padrone)e el Tinin el me mandava in scena cont on teschio in man che tegnivi anca quand cantavi “Vorrei tanto suicidarmi”(di Brivio/Albertarelli c.s.). On poo de volt m’ha accompagnà el Patruno. Franco Nebbia olter ai so’ numer el cantava “Capinera” cont i magattèll de la Velia che gh’aveven movenze de fa’ ridd. Renato cont Cochi el gh’aveva anmò de nass artisticament. L’hoo incontrà per la prima volta al Kapitan Kidd, on night de piazza Pio Undecimo, a fianc de la Biblioteca Ambrosiana, in doa lavoraven Brivio, Patruno, Svampa e Didi Martinaz. I quatter malnatt vann a laorà al ristorant Boccaccio in la via omonima e al post de la Didi entra el Gianni Magni. Per on scazz cont Jannacci la programmazion del Derby la resta senza el primcantant. Semm cjamà numm che cominciavom a fa’ success. Passom sotta la direzion artistica de Enrico Intra e cominciom al Derby la nostra fortuna. Depoeu on’està straordinaria passada a Castiglioncello, tornom a Milan pien de gloria e cont l’impresario Bruno Berri che el voeur on nomm per identificà el rosc. Scernissom I Gufi, incidom el primm disco cont la Combo e taccom a fa’ spettacol de per tutt. Intant el Derby el perd Enrico Intra e al so’ post Jannacci el ricomincia cont i compagn de l’ intervista fada a Renato.

Ecco. Hoo faa on po’ de giustizia in di ricord on po’ confus. Num se disinteressom di local perché cominciom a cantà e recità in di grand Teater cont Remigio Paone per impresar e giò, “giò, premm, premm, nel Lamber, Lamber” (gh’hinn pù paroll in libertà, gh’ann tutti on riferiment cont i canzon popolar). Depoeu domà cinq ann, talment incisiv che la gent de la mia generazion la gh’ha el ricord anmò viv, el grupp se lassa, se dislengua per reincontrass in del 1981 e andà a S. Remo. El credeva de concorr inveci l’ha faa l’ospite. Toccata e fuga. Ona canzon la prima sera e poeu via a finì la stagion ad A3, ona TV privada che cont I Gufi l’ha faa i audiences pussè alt de la Rai e de Canal 5. Intant che numm andavom in gir per i teater d’Italia e de l’ester, Ciazz, Lugann, Bellizona, Locarno, Lagos (Nigeria) el Derby el s’è trasforma e entren tucc quej indicà dal Renato. L’è ‘na question de temp anca se propri a quel temp in duu mes succedeva de tutt al ponto che l’è facil sconfondess. Adess inveci se po’ minga andà in confusion. I local cabaret voeuren i personagg gratis. I cabarettist se accontenten de nient e fann domà i laboratori. El nient l’è nient e desmentegass de nient l’è on nient. Gh’è chi l’è diventà on quaivun e pariment se desmenteghen anca se l’incensen e ghe disen che “come lui non c’è nessuno”, che se dovessen fa’ spettacol el saria el primm a vess ciamà, che l’è sta’ bon de riformà el teater, che lu sì ch’el fa el ver cabaret, che l’è come el proverbi lombard “Quel ch’el dà/quel pocch ch’el g’ha/ quel ch’el dis/quel pocch ch’el sa/ quel ch’el fà/ quel pocch ch’el po’/ a l’è on omm de rispettà./ El Piero Mazzarella diseva che ‘sto proverbi l’era el specc de la civiltà. E probabilment el gh’aveva reson.

E Lù, grand attor come l’è stà (peccaa che ne parlen pù, che le ricorden no, andaroo a trovà la soa grande amisa e consigliera Andrè Ruth Shammah, al Franco Parenti, per mett in pè on quaicoss per ricordall. Magara cont el patrocinio olter che del Comun anca de Il Giorno e de ‘sta pagina) le diseva pussè d’ona volta quand se vedevom, on di si’ e on di no. Gh’emm fa’ di spettacol insema. Vun l’era intitolà “ Un Gufo alla corte del Tecoppa”. La gent trovava la combinazion divertente e natural, come l’era lù. El diseva che on attor e doveva minga recità, ma vess sé medèmm. Mi disi che certi attor celebraa dai gossip, che laoren in di fiction, in di film e commedij, el saria mej recitassen la part de quej che dovarissen vess natural. Inscì’ se farissen capì. E a proposit de ricord nissun parla pù di grandi comic che gh’emm avù: Dapporto, Rascel, Bramieri, Walter Chiari,Campanini, Vianello, Macario, Scotti. Se ved che la memoria falla. Se ved che interessen no. Vito Molinari, però, l’ha scritt on liber, m’hann dì, presentà nientemeno che al Gerolamo su ‘sti personagg che hann fa’ grand el teater. L’hoo savù quand la presentazion l’era già fada. Ghe sarìa andà volentera perché gh’è ona massima de Fabio Aldeghi che la dis “ I Grandi Artisti non fanno paura a nessuno” e numm i gh’ èmm semper present perché “ è più difficile dimenticare che ricordare.” brivio.roberto@yahoo.it