Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
18 giu 2022

Ginelli chiama, Squeri declina "Campagna elettorale livorosa il confronto non sarebbe sereno"

18 giu 2022

Urbanistica, tutela del verde e rilancio delle strutture sportive: il candidato del centrosinistra Gianfranco Ginelli chiama lo sfidante a un confronto, ma Francesco Squeri, portabandiera delle liste civiche San Donato futura e SandoLab, declina l’invito. Sono questi gli ultimi sviluppi dello scenario politico locale quando mancano solo otto giorni al ballottaggio del 26 giugno, nel quale si decideranno il futuro sindaco e il destino amministrativo della città.

"Da alcuni giorni è partita, da parte degli esponenti della coalizione che fa capo al candidato Ginelli - dichiara Squeri - una campagna livorosa, fatta di attacchi personali irrispettosi, falsi, allusivi e che addirittura coinvolge membri della mia famiglia. Questi attacchi stanno aumentando in maniera esponenziale, nonostante la nostra linea sia quella di non alimentare queste basse polemiche". "Riteniamo - prosegue - che, a fronte di questo clima, non ci siano le condizioni di serenità e correttezza necessarie affinché il confronto tra candidati possa servire la sua funzione di pubblica utilità, come invece è avvenuto durante i precedenti confronti, ai quali non ho esitato a partecipare". In vista del secondo turno, il leader della compagine civica ha scelto d’intensificare le passeggiate e gli incontri nei quartieri "per convincere tutti gli indecisi, chi non mi ha votato, o chi addirittura non è andato a votare".

Col candidato Ginelli che si mette a disposizione dei cittadini nella sede del proprio comitato elettorale, in via Libertà 64, anche la coalizione di centrosinistra è a caccia del consenso degli indecisi e di chi al primo turno ha snobbato le urne. "Voglio mettermi in ascolto delle persone che non sono venute a votare - afferma il leader del centrosinistra in un video-messaggio sui social -: le voglio incontrare, voglio capire quali sono i dubbi e le domande e come possiamo migliorare la nostra proposta".

Da ambo le parti, si cerca dunque di attingere ai delusi e agli scontenti; è indubbio che ad ingolosire sono anche i 3310 voti ottenuti al primo turno dal centrodestra capitanato da Guido Massera. Un serbatoio di consensi che potrebbe rivelarsi decisivo in sede di ballottaggio.

Alessandra Zanardi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?