Galleria, la Cesare Ponti resta ma dovrà pagare il quadruplo dell’affitto

La storica Banca Cesare Ponti resterà in Galleria Vittorio Emanuele per altri 12 anni, ma dovrà pagare il quadruplo dell'affitto al Comune di Milano, proprietario del Salotto. Il rinnovo senza bando pubblico è stato concesso per motivi storici.

Galleria, la Cesare Ponti resta ma dovrà pagare il quadruplo dell’affitto

Galleria, la Cesare Ponti resta ma dovrà pagare il quadruplo dell’affitto

La storica banca Cesare Ponti resterà per altri 12 anni in Galleria Vittorio Emanuele, negli uffici del civico 19 di Piazza Duomo, ma dovrà pagare il quadruplo dell’affitto finora versato al Comune, proprietario del Salotto. Per la precisione, il canone annuo di locazione della Cesare Ponti passerà da 1.108.980 euro a 4.694.792 euro.

La banca ha avuto una corsia preferenziale da Palazzo Marino, cioè un rinnovo senza bando pubblico, in quanto è considerata una bottega storica milanese, perché la sua insegna è in Galleria da più di 50 anni. Anzi, nel suo caso, molti di più: 143 anni. La Cesare Ponti, infatti, si trova nei locali affacciati sul sagrato, dal 1881. È tra le presenze più antiche del complesso della Galleria: la precedono nel tempo il confetturiere Biffi, Gaspare Campari, il Caffè Zucca mentre il ristorante Savini arrivò nel 1885 e la maison Prada nel 1913.

Per la verità, il 22 settembre 2022 il Comune ha mandato disdetta del contratto al concessionario, ma la storica banca ha chiesto e ottenuto il rinnovo del contratto di affitto proprio per motivi storici. "Sussistono motivi imperativi di interesse pubblico tali da giustificare il rinnovo della concessione – si legge nella delibera con cui la Giunta comunale, firmata dall’assessore al Demanio Emmanuel Conte – potendo affermare che la Banca Cesare Ponti costituisce un importante elemento di memoria qualificando, nel corso dei decenni e in maniera determinante, il contesto in cui si colloca". L’ultimo contratto di concessione della banca, sottoscritto il 16 gennaio 2012, è scaduto lo scorso 15 gennaio. Palazzo Marino è arrivato a calcolare il nuovo canone d’affitto annuo a 4.694.792 euro facendo questo calcolo: i 1.619 metri quadrati dove sono gli uffici della Cesare Ponti sono stati moltiplicati per 2.899 euro al metro quadrato.

M.Min.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro