Fabrizio Corona
Fabrizio Corona

Milano, 9 gennaio 2018 - Nuova udienza del processo che vede imputato Fabrizio Corona per il caso dei 2,6 milioni in contanti trovati in parte nel controsoffitto della sua abitazione, in parte in Austria. Corona e le sue società, Atena e Fenice, "hanno pagato negli ultimi questi anni quasi 8 milioni di euro di tasse. Questo è un dato di fatto. Vedremo se secondo i giudici è un evasore fiscale", ha ribadito ancora una volta Ivano Chiesa, legale dell'ex fotografo dei vip, al termine dell'udienza davanti ai giudici della sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Milano che dovranno decidere se confiscare oppure dissequestrare la casa milanese dell'ex re dei paparazzi (un appartamento di lusso del valore superiore ai 2 milioni di euro in Via De Cristoforis, nella zona della movida di Corso Como) e i soldi sottratti al fisco.

L'udienza di questa mattina è stata interamente dedicata alla relazione del consulente della difesa, Andrea Perini, che ha illustrato ai giudici come Corona, grazie anche alla procedura di rottamazione delle cartelle esattoriali, abbia in sostanza regolato tutti i suoi conti con il fisco. "Così - ha commentato ancora l'avvocato Chiesa - crediamo di aver dimostrato la provenienza lecita di tutte quelle somme di denaro e soprattutto che Corona ha pagato tutte le tasse dovute". Tra gli altri, questa mattina era presente in aula anche Massimo Giletti, presentatore televisivo e conduttore del programma "Non è l'arena", in onda su La7. Il procedimento è stato rinviato al 23 gennaio per la requisitoria del pm Alessandra Dolci e le arringhe della difesa.