Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
30 lug 2022

Diana Pifferi, bimba morta di stenti. Ponte Lambro è diviso: accuse e verità tardive

L’addio tra i veleni incrociati della comunità: "Tutti sapevano che Alessia lasciava in casa la bambina"

30 lug 2022
anna giorgi
Cronaca

Milano - "Se un minimo di quello strazio che la nonna Maria e la sorella Viviana hanno mostrato al funerale che si è celebrato ieri, alla parrocchia di Borgolombardo, l’avessero mostrato alla piccola Diana mentre era in vita, forse la bimba di 18 mesi, morta di fame e di sete, sola, in casa, si sarebbe salvata". La comunità del quartiere di Ponte Lambro, periferia Est di Milano, accusata di non essere intervenuta sulla vita al limite di Alessia Pifferi, 36 anni, ribalta l’accusa e denuncia a mezza bocca. Sono le parole dei coetanei di nonna Maria: Lina, Antonella, Sandra, Ivo, a descrivere, solo oggi che la storiaccia nera si è conclusa, cosa succedeva in quell’incrocio di quattro vie desolanti e una piazzetta disadorna, che stanno dietro all’ospedale Monzino. "Alessia - racconta Lina - l’abbiamo vista nascere perché con la sua mamma ci conoscevamo da ragazze. Ed eravamo state noi a organizzarle il secondo matrimonio, qui nella chiesta del quartiere". Alessia aveva conosciuto Franco quando era appena maggiorenne, era scappata con lui a vivere a Palermo e lì si era sposata civilmente. "Siccome non andava d’accordo con la famiglia del marito - racconta ancora - avevano deciso di tornare a Milano insieme e di risposarsi qui. Avevamo fatto una colletta e le avevamo regalato l’abito da sposa che lei aveva comperato in un bel negozio cinese. Alessia era gelosissima del marito Franco. Quando lui andava a lavorare lei che, invece, non aveva mai lavorato, lo seguiva ovunque e lo guardava temendo che un’altra donna potesse corteggiarlo". Vivevano dei lavoretti saltuari di lui. Poi quattro anni fa di quel marito che non la portava mai da nessuna parte non ne aveva voluto più sapere. Si era messa a dieta, si curava di più e aveva comiciato a chattare sui social. Inevitabile incorrere ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?