DI BARBARA CALDEROLA
Cronaca

Coldiretti: "Stop al cibo in provetta"

L’associazione scende in campo con una petizione contro l’uso di alimenti artificali: obiettivo 3mila firme

Migration

di Barbara Calderola

Tremila firme contro il cibo in provetta. Coldiretti scende in campo contro la carne sintetica che ha ottenuto il primo via libera negli Stati Uniti, i banchetti della crociata hanno fatto tappa a Melzo. La petizione è un altolà per Bruxelles "giochiamo d’anticipo - spiega il presidente di zona Alessandro Rota – abbiamo organizzato una grande mobilitazione per fermare la deriva che mette a rischio il futuro dell’intera filiera". Il testo può essere sottoscritto nei mercati contadini di Campagna Amica, negli eventi della Federazione interprovinciale e negli uffici dell’associazione. "L’obiettivo – precisa il presidente – è promuovere una legge che vieti la produzione, l’uso e la commercializzazione di alimenti artificiali, dalla carne che nasce in laboratorio, al latte “senza mucche“, al pesce senza mari, laghi e fiumi. Merci che potrebbero presto inondare il mercato europeo sulla spinta delle multinazionali e dei colossi dell’high-tech". "Già a inizio 2023 – chiarisce Coldiretti - potrebbero arrivare a livello Ue le prime richieste di autorizzazione alla vendita ed entro il primo semestre del nuovo anno sugli scaffali Oltreoceano potrebbero comparire i primi alimenti “innaturali“. Una china sostenuta da importanti campagne di marketing che tendono a nascondere gli interessi speculativi in ballo per esaltare invece il mito della maggior sostenibilità rispetto alle tradizionali attività di allevamento e di pesca". Nella lista nera non c’è solo la bistecca senza stalla. "Ci sono società che vogliono aprire una fabbrica chimica in Danimarca per la produzione di latte senza mungitura. E in Germania si lavora a bastoncini di sostanza ittica coltivati in vitro, mentre negli Usa si stanno buttando anche sul sushi “forzato“". "Gli investimenti in questo campo stanno crescendo – ancora Rota – dietro ci sono colossi della nuova finanza mondiale. L’esempio più lampante è quello del settore della carne ingegnerizzata, dove solo nel 2020 sono stati impiegati 366 milioni di dollari, con una crescita del 6mila% in 5 anni".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro