Cinisello Balsamo, conciliare famiglia e lavoro in un locale confiscato alla mafia: nasce il Family Point

Lo spazio sarà gestito dalle associazioni del terzo settore con diversi servizi, dall'orientamento per chi cerca lavoro fino al supporto alle donne maltrattate

Gli spazi di via Luini ospiteranno attività per genitori, bambini e stranieri

Gli spazi di via Luini ospiteranno attività per genitori, bambini e stranieri

Cinisello Balsamo (Milano), 8 febbraio 2024 – È stato inaugurato il CB Family Point in via Luini 16, un vero e proprio sportello per la famiglia, uno spazio di ascolto e condivisione, libero e gratuito, che vuole diventare un punto di supporto, dove trovare aiuto rispetto alle difficoltà più disparate: di natura organizzativa, esistenziale, domestica, spesso dettate da solitudine e isolamento, da problemi di conciliazione dei tempi famiglia–lavoro, nell’accudimento dei figli o nella gestione di persone fragili (anziani o disabili), da problemi di comunicazione all’interno e al di fuori della famiglia, per difficoltà legate alla separazione o al divorzio, ma anche per situazioni di maltrattamento e di violenza domestica.

Il CB Family Point nasce dal lavoro del Tavolo per le Politiche Familiari costituito dall’amministrazione comunale. “Un nuovo servizio per le famiglie cinisellesi, dove potersi confrontare e trovare aiuto e sostegno. Sono felice per questa intuizione che nasce dall’ascolto e dalla sensibilità delle realtà del terzo settore – ha commentato l’assessore al Welfare e alla Centralità della persona Riccardo Visentin –. Cerchiamo di dare attenzione ai bisogni che man mano emergono. Il Family Point vuole essere un punto di riferimento poliedrico, in un ambiente dove trovare ascolto e supporto concreto. Mi auguro che i cittadini colgano l’opportunità e vi si rivolgano con fiducia e senza esitare”.

Lo sportello si trova in via Luini 16, in un immobile confiscato alla mafia. “In questo modo viene restituito alla città e avrà una vera vocazione sociale – ha sottolineato Visentin -. Ogni famiglia potrà recarsi lì per avere informazioni e orientamento su questioni legate al tema famiglia. Inoltre, sarà possibile utilizzare lo spazio in collaborazione con le associazioni”.

Tanti gli obiettivi di questo nuovo spazio: orientamento, ascolto, condivisione, promozione del protagonismo familiare. “Lo sportello rappresenta un passo concreto per incontrare famiglie. L’iniziativa del laboratorio di Cinisello Balsamo nasce dalla collaborazione tra l’amministrazione comunale, tramite l'assessorato alla famiglia, e le associazioni del tavolo delle politiche familiari”, ha spiegato Oeffe Orientamento Familiare.

Tra le associazioni presenti ci sarà anche Telefono Donna onlus, che gestisce già spazi analoghi e si è impegnata a garantire l’area di accoglienza e di ascolto delle famiglie e orientamento ai servizi e progetti del territorio con due aperture settimanali.

Tra gli altri servizi attivati, oltre al presidio di ascolto, accoglienza e orientamento, saranno organizzati gruppi di parola e di lettura, uno sportello di orientamento al lavoro, laboratori ludici a cadenza mensile dedicati ai bambini da zero fino a 6 anni, aiuto allo studio, corsi di formazone per caregiver e volontari, corsi di lingua italiana per stranieri.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro