Al No’hma arriva Scapino. Premio internazionale: è il turno dei francesi

Due giorni di spettacoli con la compagnia Legrenier de Babouchka. Jean-Philippe Daguerre è il regista che torna a cimentarsi con Molière.

Al No’hma arriva Scapino. Premio internazionale: è il turno dei francesi

Al No’hma arriva Scapino. Premio internazionale: è il turno dei francesi

Prosegue con grande successo di pubblico la XV Edizione del Premio Internazionale intitolato al Teatro Nudo di Teresa Pomodoro. Per il quinto appuntamento della stagione arriva, mercoledì e giovedì, allo Spazio Teatro No’hma la compagnia francese Le grenier de Babouchka. Lo spettacolo si intitola Les Fourberies de Scapin ed è la versione giovane ed energica della commedia più famosa di Molière, che vede il protagonista del titolo svelare maliziosamente intrighi amorosi mentre è alle prese con le tirannie del suo superbo padrone.

Il regista Jean-Philippe Daguerre torna a dirigere uno spettacolo del grande commediografo parigino dopo i successi ottenuti con altri titoli dello stesso autore, tra cui il Borghese Gentiluomo (Le Bourgeois Gentilhomme), Il Malato immaginario (Le Malade imaginaire) e le Intellettuali (Les Femmes Savantes).

Le furberie di Scapino è ambientato a Napoli e coinvolge una ricca galleria di personaggi da

Argante e Géronte, da Octave e Lèandre fino a Zerbinette, Nérine, Hyacinthe e Sylvestre.

"Nella sobrietà di un peschereccio dove Scapino attira sardine nelle sue reti, ho voluto puntare sulla bellezza dei costumi del XVII secolo reinterpretati magistralmente da Catherine Lainard, per conferire allo spettacolo una certa eleganza visiva" spiega il regista. La compagnia Le Grenier de Babouchka (la soffita della nonna) è stata fondata nel 2003 con l’obiettivo di offrire al pubblico quei tesori artistici che i nostri avi hanno lasciato in soffitta.

L’incontro con il regista Jean-Philippe Daguerre segna una tappa importante nella vita della compagnia che inizia così a orientarsi verso opere del repertorio classico con una direzione

artistica forte e coerente. "La compagnia ci ha colpito per la capacità di restituire vita e leggerezza al patrimonio artistico e culturale di uno degli autori più importanti del teatro classico francese. In questo spettacolo gli attori riescono a dare voce al grande commediografo rispettandone la scrittura e la struttura dell’opera. Il risultato è un lavoro intelligente, delicato e al tempo stesso rigoroso e accessibile a tutti", spiega Livia Pomodoro, presidente dello Spazio

Teatro No’hma. Lo spettacolo è anche in streaming sui canali del teatro. L’ingresso è gratuito con prenotazione obbligatoria: www.nohma.org o scrivere a nohma@nohma.it.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro