Villaggio San Biagio. Rfi cambia di nuovo idea: il tunnel verrà sistemato

Codogno, tramonta l’ipotesi della costruzione di un altro sottopasso. Il sindaco: non è un ripiego. A breve il via ai lavori. Obiettivo, la consegna prima della ripresa delle scuole.

Villaggio San Biagio. Rfi cambia di nuovo idea: il tunnel verrà sistemato

Villaggio San Biagio. Rfi cambia di nuovo idea: il tunnel verrà sistemato

Tramonta il progetto della costruzione del nuovo tunnel sotto i binari. Rfi pare intenzionata a concentrarsi su una manutenzione straordinaria, molto meno costosa rispetto ad un intervento di un nuovo sottopasso nuovo di zecca. È quanto emerso nel confronto tra Comune ed ente ferroviario per definire l’intervento sul budello pedonale di via Borsa che collega la circonvallazione al popoloso rione Villaggio San Biagio. Rfi ha acceso disco verde all’opera che dovrebbe iniziare a brevissimo: infatti, durante la fase dei lavori (che si spera possano finire entro l’inizio delle scuole) il tunnel dovrà essere chiuso completamente al passaggio, circostanza che richiederà la predisposizione di un piano alternativo per garantire il transito dei residenti visto che il budello è l’unico percorso pedonale agevole per il quartiere. Dunque il progetto di rifacimento totale tramonta: al momento esisteva solo un documento preliminare, ma i soldi da trovare erano parecchi (dai 3 ai 4 milioni di euro).

Per il sindaco Francesco Passerini, però, la manutenzione straordinaria (che ad Rfi costerà abbondantemente meno di un milione di euro) non sarà un ripiego. "Il tunnel, alla fine del cantiere, sarà totalmente trasformato e risulterà come nuovo – ha ribadito –. D’altronde non possiamo dire che Rfi non abbia investito sulla città. Alla fine, tra sistemazione della stazione ferroviaria, della passerella storica sopra i binari e del sottopasso di via Borsa, spenderà oltre dodici milioni di euro". Ora il prossimo passaggio burocratico per concretizzare l’intervento sul budello sarà l’approvazione della nuova convenzione tra i due enti che manderà in soffitta quella ancora in vigore dagli anni sessanta. Poi disco verde ai lavori.

M.B.