Una “prima nazionale“ per il libro di Ilaria Rossetti

Vincitrice del Campiello nel 2007 e lodigiana doc

Una “prima nazionale“ per il libro di Ilaria Rossetti
Una “prima nazionale“ per il libro di Ilaria Rossetti

Sarà presentato, mercoledì 24 gennaio alle 21, nell’aula magna del liceo Verri, in una “prima“ nazionale “La fabbrica delle ragazze“, l’ultimo libro della scrittrice lodigiana Ilaria Rossetti, 36 anni e vincitrice del premio Campiello giovani nel 2007. Edito da Bompiani, “La Fabbrica delle ragazze“ "racconta di un incidente oggi dimenticato, avvenuto in una fabbrica di munizioni a Bollate, nel 1918, in cui morirono 59 persone, per la maggior parte donne e ragazze" ha spiegato l’autrice. "Hemingway, ai tempi nella croce rossa di Milano, andò sul posto e rimase profondamente scosso: non aveva mai visto cadaveri di donne" ha aggiunto. Il lavoro della Rossetti è stato recuperare informazioni su questa storia, studiando e facendo ricerche. Ha poi scritto il libro, un romanzo storico sulla vicenda "di cui però ora non diremo altro, perché lasciamo il meglio per mercoledì – ha detto Michela Sfondrini, titolare della libreria Sommaruga di Lodi –. Alla serata ci sarà lo scrittore Roberto Schiavone. Presenteremo un libro che, per la prima volta per me, non ho ancora letto. Vogliamo fare una serata anche per parlare di una persona, Ilaria, che si è fatta strada nel mondo della cultura partendo da Lodi. L’ingresso è gratuito fino a esaurimento posti, le porte saranno aperte dalle 20.15; noi ci auguriamo che chi verrà rimarrà stupito". "Ho sempre frequentato tanto la Sommaruga – ha concluso l’autrice –, tutti i mei libri li ho presentati lì; invece al Verri mi sono diplomata. Diciamo che la serata del 24 riprende molto della mia vita, ed è un piacere". Lu.Pa.