La Madonna decapitata e, a terra, la testa rinvenuta ad un centinaio di metri
La Madonna decapitata e, a terra, la testa rinvenuta ad un centinaio di metri

Sant'Angelo Lodigiano, 10 marzo 2018 - Parla di "Atto vandalico e sacrilego contro un'immagine della Madonna che vegliava alle 'botteghe del Pilota'" e chiama i barasini in preghiera questa sera alle ore 21 sul luogo dell'accaduto. Don Angelo Manfredi, parroco della chiesa di Maria Madre della Chiesa, a S.Angelo dopo che questa mattina è stata ritrovata decapitata la statua della Madonna, alta circa un metro, che si trovava su un piedistallo in una rientranza dietro l'oratorio di San Rocco, in via Colombo, nel quartiere Pilota, aggiunge: "A nome della comunità cristiana esprimo tutta la tristezza che causa questa offesa a un segno di fede, di maternità e di protezione. Proprio nei giorni in cui ricordiamo la dignità della donna, si offende l'immagine di una Donna venerata dai cristiani e dai musulmani".

Sia questa sera che domani. alle ore 21, con qualsiasi tempo atmosferico, "in riparazione del gesto" è prevista la recita del rosario sul luogo, seguita dall'adorazione in capella: "Pregheremo anche per la conversione di chi ha commesso questo atto e tutte le altre offese a Dio nella dignità delle persone" - conclude il sacerdote. "La statua decapitata è stata trovata questa mattina vicino ad un cestino - spiega uno dei volontari del gruppo di contorllo del vicinato -; la testa è stata individuata più tardi, ad un centinaio di metri di distanza, da uno del gruppo, che ha subito informato il sindaco Maurizio Villa e l'assessore Domenico Beccaria, i quali hanno subito espresso sdegno e pieno sostegno alla comunità parrocchiale. Il quartiere Pilota, in cui operiamo in una quindicina sui 50 volontari totali, è considerato un po' il bronx di S.Angelo; ma i santangiolini sono legati a questa statua, dove si recano in preghiera a maggio, nel mese mariano".