Raid nel magazzino comunale, via tutti gli attrezzi e il motocarro

PIEVE PORTO MORONE (Pavia) Completamente svaligiato dai ladri il magazzino dell’amministrazione comunale di Pieve Porto Morone adiacente al Municipio. Il furto...

Raid nel magazzino comunale, via tutti gli attrezzi e il motocarro
Raid nel magazzino comunale, via tutti gli attrezzi e il motocarro

PIEVE PORTO MORONE (Pavia)

Completamente svaligiato dai ladri il magazzino dell’amministrazione comunale di Pieve Porto Morone adiacente al Municipio. Il furto potrebbe essere stato messo a segno poco dopo la mezzanotte di mercoledì. Sono stati i cantonieri comunali ad accorgersi dell’accaduto. Lo hanno fatto giovedì mattina quando sono arrivati davanti al magazzino e hanno trovato il cancello d’ingresso al cortile rotto e le porte del magazzino e della sede della protezione civile rovinate. Immediatamente è stato lanciato l’allarme ed è stata sporta denuncia ai carabinieri di Chignolo Po che stanno indagando per risalire ai responsabili dell’effrazione e del furto anche esaminando le registrazioni delle telecamere collocate dal Comune. Stando a una prima ricostruzione il blitz sarebbe avvenuto nella notte tra martedì e mercoledì quando i malviventi avrebbero prima divelto il pesante cancello di ferro per riuscire ad entrare nel cortile.

Una volta dentro non hanno cercato molto, forse sapevano dove andare e si sono diretti alla porta del magazzino e alla sede della protezione civile. Sono stati portati via tutti gli attrezzi che erano custoditi in magazzino e pure una pettorina della protezione civile. Forse il materiale è stato caricato sul motocarro cassonato solitamente utilizzato dai cantonieri, che pure è stato rubato. Rubato, portato via dal suo ricovero e abbandonato per strada a Copiano dove è stato ritrovato perché è probabile che abbia smesso di funzionare. Oggi è stato restituito al Comune che ne è il proprietario, ma dovrà essere riparato nella speranza che si rimetta in moto. E anche il cancello e le porte che permettono l’accesso al magazzino e alla sede della protezione civile saranno da riparare. Ammontano a diverse migliaia di euro i danni riportati; ci sono anche tutti gli attrezzi che i cantonieri utilizzavano e che ora dovranno essere nuovamente acquistati perché vengono usati per la manutenzione del paese.

Manuela Marziani