PIER GIORGIO RUGGERI
Cronaca

Messa in sicurezza del viadotto Lavori al via in tangenziale Saranno otto mesi di disagi

Veicoli a senso unico alternato tra Ca’ delle Mosche e lo svincolo per Ripalta Nuova. Da settembre ci sarà da fare i conti con il flusso di studenti e genitori diretti a tre scuole.

Messa in sicurezza del viadotto  Lavori al via in tangenziale  Saranno otto mesi di disagi

Messa in sicurezza del viadotto Lavori al via in tangenziale Saranno otto mesi di disagi

di Pier Giorgio Ruggeri

Signori si soffre. Per otto mesi. Un tempo eterno per chi deve utilizzare la tangenziale nel primo tratto che va da Ca’ delle Mosche allo svincolo per Ripalta Nuova (cioè la prima uscita). Che da questa mattina alle otto diventa a senso unico alternato per consentire importanti lavori sul viadotto di un centinaio di metri che supera il fiume Serio, la strada del Marzale e la discarica cittadina. Stamane verrà predisposto il cantiere e il traffico transiterà in regime di senso unico alternato, regolato da movieri, nelle ore diurne e da un impianto semaforico nelle ore notturne. La durata prevista dei lavori è di 250 giorni con completamento, pertanto, nel mese di marzo del 2024. L’intervento prevede la messa a norma delle barriere di sicurezza stradale, il rifacimento dei cordoli e della rete di smaltimento acque di piattaforma, la realizzazione dei giunti di dilatazione e il ripristino di calcestruzzo armato su alcuni elementi strutturali del viadotto.

La complessità e la durata dell’intervento preoccupano non poco la città e il circondario. La Provincia, che ha in capo i lavori, suggerisce strade alternativa, ma ce n’è una sola, quella che passa per via Visconti, in via Libero Comune, gira in via Piacenza bypassando i lavori e reinserendosi sulla tangenziale all’altezza dello svincolo per Ripalta Nuova. Questa strada la mattina e nel primo pomeriggio, dal mese di settembre, sarà invasa da migliaia di studenti e relativi parenti che li accompagnano a scuola (in pochi metri ci sono tre istituti superiori). Inoltre, fatto per nulla trascurabile, se il comune in questo periodo mettesse mano al ponte di via Cadorna chiudendolo al traffico ci sarebbe una sola via, appunto via Visconti, per raggiungere la città.