Cantiere della rotatoria fermato da un tubo del gas

L’intervento sulla sp234 continua tra mille ostacoli

Cantiere della rotatoria fermato da un tubo del gas
Cantiere della rotatoria fermato da un tubo del gas

CODOGNO (Lodi)

La rotonda “fermata“ da un tubo del gas che, al momento, intralcia i lavori preliminari di escavazione. Il cantiere del nuovo rondò lungo il tratto di provinciale 234 all’altezza dello svincolo per la frazione Maiocca avanza piano. Assegnato alla ditta incaricata ad agosto dello scorso anno, al momento, l’intervento non è ancora entrato nel vivo. Anzi. Dopo il taglio delle piante sul ciglio della strada e le opere preliminari di sbancamento già avviate al di là della carreggiata, ora il lavoro attende un’accelerata anche se il ritrovamento di una linea del gas che passa nel sottosuolo ha portato ad uno stop con la relativa soluzione del problema che deve essere trovata.

I lavori sono stati finanziati con un contributo della Regione Lombardia di 400 mila euro promessi nell’epoca del Covid e poi stanziati l’anno scorso. L’iter non è stato semplice: dapprima è stata approvata una piccola variante al Piano di governo del territorio (Pgt) poichè, per una porzione seppur minima, la rotonda toccherà terreni vocati con un’altra tipologia urbanistica così come è stato messo in moto l’iter per la procedura di esproprio su sette aree. Poi un’azienda vicina ha messo sul piatto il problema dell’uscita verso la strada e dunque si è dovuto trovare una soluzione alternativa. E’ prevista pure una modifica dell’andamento del colatore Triulza mentre, quando i lavori saranno terminati, sarà potenziato il sistema di pubblica illuminazione con quindici nuovi corpi illuminanti, nuova segnaletica stradale, attraversamenti e tratto di ciclabile. Il nuovo rondò, che risolverà un nodo viabilistico critico, dovrebbe essere pronto in primavera. M.B.