Dopo sette mesi d’attesa la voglia di tornare a disputare le classiche partitelle era tanta. In città è stato registrato un vero e proprio boom di prenotazioni per le strutture che offrono la possibilità di tornare a giocare a calcetto. Col ritorno della Lombardia in zona gialla e le conseguenti riaperture, le persone possono tornare a praticare sport di contatto all’aperto senza dover rispettare il distanziamento...

Dopo sette mesi d’attesa la voglia di tornare a disputare le classiche partitelle era tanta. In città è stato registrato un vero e proprio boom di prenotazioni per le strutture che offrono la possibilità di tornare a giocare a calcetto. Col ritorno della Lombardia in zona gialla e le conseguenti riaperture, le persone possono tornare a praticare sport di contatto all’aperto senza dover rispettare il distanziamento sociale. Le regole restano ferree, perché la pandemia non è superata. E’ infatti vietato utilizzare gli spogliatoi prima e dopo la partitella, ma questo non sembra aver frenato la voglia delle persone di tornare a giocare. I gestori sono però soddisfatti. Nell’impianto di via Serravalle della società Sportincentro, che ha disposizione tutti i giorni dalle 19.30 alle 22 un campo da nove, che può trasformarsi in due da calcio a 5, il primo slot disponibile è a metà giugno. "C’è grande voglia di tornare alla normalità - riferiscono Giancarlo Dragoni e Alberto Gasparini, che dal 2015 gestiscono la struttura di via Serravalle -. In una settimana, dal 26 aprile al 2 maggio, abbiamo bruciato tutte le prenotazioni di maggio fino ad arrivare a metà del prossimo. E’ qualcosa che ci aspettavamo, forse non così tanto, ma che era nell’aria. Da parte dei ragazzi c’è grande voglia di tornare alla normalità. E di farlo in sicurezza".

Molto simile la situazione per i circoli che offrono anche l’opportunità di giocare a tennis. Al centro Faustina in piazzale degli Sport, storico impianto con sei campi (di cui due scoperti) a disposizione per tennis e calcetto, il ritorno all’attività amatoriale sta avendo grande successo. "Sono stati mesi complicati - dice Vera Griffini, maestra di tennis e titolare della Faustina da settembre scorso -. Grazie all’attività agonistica siamo andati avanti, ma non è stato facile. C’era grande voglia di ripartire e di farlo ovviamente in sicurezza. Le prenotazioni stanno andando bene, i corsi di tennis per adulti e bambini sono ripresi. Ogni giorno abbiamo tutti i campi pieni. Da parte nostra c’è grande attenzione a rispettare le distanze".

Carlo D’Elia