I carabinieri si stanno occupando delle indagini
I carabinieri si stanno occupando delle indagini

Magnago (Milano), 13 gennaio 2020 - Sono entrati con le pistole in mano, hanno obbligato i dipendenti del supermercato a sedersi per terra e li hanno costretti a indicare la cassaforte. Con un muletto l’hanno sradicata e si sono portati via oltre 30 mila euro. È  accaduto domenica sera a Magnago, all’interno di un supermercato della catena «Md». I carabinieri stanno indagando per risalire alla banda di cinque rapinatori responsabili del colpo. Erano da poco passate le 21, il negozio della catena di supermarket stava per chiudere e i tre dipendenti rimasti all’interno stavano sistemando le ultime cose prima di staccare dal turno, quando sono stati sorpresi dalla banda. In cinque, sciarpe sul volto, guanti sulle mani e pistole in pugno, sono entrati dalla porta principale come in un vero e proprio agguato. 

Dopo averli minacciati, li hanno obbligati a sedersi per terra e, senza mezzi termini, gli hanno ordinato di indicare dove fosse custodita la cassaforte principale. Ottenuta la risposta, nel negozio hanno portato un muletto, poi risultato rubato da un’azienda in provincia di Varese, e lo hanno utilizzato per sradicare la piccola fortezza d’acciaio da terra, sollevarla e caricarla su un camion. All’interno vi era l’intero incasso del fine settimana, a quanto emerso dai primi accertamenti oltre trentamila euro. Poi sono scappati usando il mezzo pesante, senza lasciare apparentemente traccia. Sotto shock i dipendenti hanno telefonato al 112, chiedendo aiuto. Sul posto si sono precipitati i carabinieri e tre autoambulanze. Visitati e rassicurati, nonostante lo spavento tutti e tre i lavoratori non hanno riportato alcuna ferita e non hanno necessitato di ulteriori accertamenti in ospedale. Passato qualche minuto perché potessero riprendersi, tutti e tre hanno raccontato l’accaduto ai militari della compagnia di Legnano, tentando di ricordare più dettagli utili possibile. I militari, raccolte le testimonianze degli sfortunati impiegati, hanno verificato la presenza di eventuali immagini di telecamere di videosorveglianza della zona importanti per le indagini, impronte digitali, e quanto altro necessario per risalire all’identità dei rapinatori. Qualche ora più tardi hanno recuperato il muletto usato per portarsi via la cassaforte, abbandonato dai malviventi a pochi chilometri di distanza dal supermercato.