Palio di Legnano 2024: quali sono le novità dell’edizione che celebra i 100 anni della città

Appuntamento il 26 maggio: ieri la presentazione della gara e degli appuntamenti di contorno

La presentazione del Palio 2024

La presentazione del Palio 2024

Legnano, 14 marzo 2024 – Il maxischermo per vedere il Palio lungo le strade di Legnano, per chi non troverà posto al Mari nell’area del parco Falcone-Borsellino, dove è previsto anche un villaggio medievale; la contrazione dell’area destinata alla mossa, da nove a sei metri, per provare a ridurre lo spazio della “partenza lanciata“; la diretta della domenica al Mari autoprodotta dal Comitato e per la quale si capirà presto come potrà essere diffusa dai media partner oltre al mezzo televisivo; l’anticipo di trenta minuti del programma della sfilata per non rischiare di finire in ora tarda.

Sono queste, in sintesi, le novità del Palio 2024, in programma il 26 maggio, annunciate dalla Fondazione Palio. Assente la presidente Maria Pia Garavaglia, a fare gli onori di casa sono stati il vice presidente, Luca Roveda, Alberto Romanò, consigliere del cda, il Cavaliere del Carroccio, Andrea Monaci, e il sindaco nonché Supremo Magistrato del Palio, Lorenzo Radice.

L’allestimento e gli orari

A motivare la decisione di organizzare l’allestimento del villaggio medievale è stato Romanò, che ha definito la doppietta villaggio-maxischermo nella stessa area come l’espediente per evitare la dispersione di chi non va al campo, concentrando l’attenzione su un polo specifico lungo il percorso della sfilata.

L’anticipo di trenta minuti della sfilata e l’intervento sull’area dedicata alla mossa, invece, sono stato argomento per Andrea Monaci: "Ridurre l’area ci permetterà di evitare le partenze lanciate che hanno caratterizzato tante edizioni del Palio. Tre metri in meno di spazio che garantiranno anche mosse più veloci".

Incursione nella letteratura

Di certo nel programma c’è la seconda edizione del festival letterario “La storia tra le righe“, collocato in quattro giorni fitti di appuntamenti tra l’11 e il 14 aprile e ideato e curato da “Incipit Eventi culturali e letterari“ di Amanda Colombo, con la collaborazione delle Università Cattolica, Statale di Milano, Bicocca e della Fondazione.

Si parte giovedì 11 aprile alle 21, nella Sala degli Stemmi del Comune, con Ugo Savoia e il suo libro “Dalla parte giusta, storia dell’industriale Guido Ucelli di Nemi e della moglie, la legnanese Carla Tosi“. Poi altri 25 appuntamenti, organizzati al castello e alla Famiglia Legnanese, per approdare all’ultimo, alle 21 di domenica 14 aprile, alla Sala Previati del Castello, con Andrea Vitali e il suo “La grande storia minuscola“.