Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
17 feb 2022

Il futuro delle aree dismesse La minoranza incalza il Pd

Confronto-scontro in commissione sui progetti di rigenerazione urbana di ex Manifattura, Franco Tosi e del terreno in vendita di viale Sabotino

17 feb 2022
paolo girotti
Cronaca
Visite guidate con le scolaresche alla Manifattura (immagine di repertorio)
Visite guidate con le scolaresche alla Manifattura (immagine di repertorio)
Visite guidate con le scolaresche alla Manifattura (immagine di repertorio)
Visite guidate con le scolaresche alla Manifattura (immagine di repertorio)
Visite guidate con le scolaresche alla Manifattura (immagine di repertorio)
Visite guidate con le scolaresche alla Manifattura (immagine di repertorio)

di Paolo Girotti Per l’area della Ex Manifattura nessuna novità perché si aspetta lo scadere degli ultimi termini formali, sulla ex Franco Tosi si attendono invece le aste di metà marzo, mentre per l’area di via MenottiSabotino di proprietà di Legnano Patrimonio si va verso una "limatura" di alcuni aspetti dell’idea progettuale presentata e, se questa mediazione avrà successo, probabilmente verso la vendita e la futura edificazione: sono queste tre delle realtà prese in esame dalla commissione urgente richiesta a inizio febbraio - convocata però senza alcuna urgenza - andata in scena ieri sera, e che aveva all’ordine del giorno proprio tutti i temi urbanistici che, a detta dei rappresentanti della minoranza consigliare, sono stati ignorati in questi ultimi mesi di interlocuzione con l’amministrazione. Non è la prima volta nella storia politica della città che questi temi vengono cavalcati, ma è indubbio che ciò che si profila all’orizzonte per il futuro di Legnano ha davvero un peso specifico determinante: le scelte ventilate in alcuni casi dall’amministrazione (via Menotti) e i "silenzi" seppur giustificati dell’assessore alla Città Futura, Lorena Fedeli, su altre realtà, non piacciono però per nulla ai rappresentanti dell’opposizione, che in occasione della commissione hanno più volte espresso la loro posizione fortemente critica. Per quanto riguarda la ex Manifattura, Fedeli non ha fatto altro che sottolineare la necessità di attendere lo scadere dei termini che danno ancora la possibilità alla Soprintendenza di esercitare una prelazione dopo l’acquisito da parte di Officina Mak, mentre per la ex Franco Tosi ha ricordato la volontà dell’amministrazione di "non interferire" con le aste in corso: una posizione criticata da diversi rappresentanti della minoranza in commissione, che al di là dei termini formali ritengono necessario iniziare fin da ora la discussione "imponendo" in un certo senso i desiderata dell’amministrazione pubblica e provare a riprendere il controllo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?