Una scena del film Hammamet di Gianni Amelio
Una scena del film Hammamet di Gianni Amelio

Legnano (Milano), 8 gennaio 2020 - Il grande giorno sta arrivando. Domani nelle sale cinematografiche di tutta Italia uscirà “Hammamet”, film scritto e diretto da Gianni Amelio e che ha per protagonista un Pierfrancesco Favino praticamente identico a Bettino Craxi. La storia narrata è proprio quella degli ultimi sei mesi di vita dell’ex Presidente del Consiglio. Alcune scene del film sono state girate a marzo nel capannone ex Franco Tosi. Una location ideale per ricreare un ambiente industriale degli anni Settanta, quello che queste scene raccontano proprio all’interno del film di Amelio.  false

A marzo il capannone della ex fabbrica, uno dei simboli della versione industriale della città di Legnano - un tempo, negli anni dello splendore produttivo di tutto il territorio, si contendeva con Busto Arsizio la reputazione di “Manchester d’Italia” quanto a presenza di imprese funzionanti -, era tornato per qualche giorno a vivere i fasti produttivi di un tempo e si era popolato di figuranti

Poche scene, che trasmesse sul grande schermo faranno stringere il cuore ed essere orgoglioso più di qualche legnanese. Lo stabilimento ex Tosi è stato di fatto “trasformato” per l’occasione di “Hammamet” e quindi la sfida è anche quella di riuscire a riconoscere questo luogo nonostante il “vestito della festa” indossato durante il film. Quello sulla vita di Bettino Craxi non è l’unico lungometraggio che è stato girato in città: dopo “Hammamet” all’interno dei locali di Villa Jucker, sede della Famiglia Legnanese, si sono svolti anche i provini per le comparse di “Il venditore di donne”, film prodotto da Luca Barbareschi con la regia di Fabio Resinaro, di cui alcune scene sono poi state girate proprio in questo territorio. Ultimo in ordine di tempo è stato “Non è Natale senza panettone”: il film per la tv targato Mediaset ha avuto per protagonisti I Legnanesi ed è stato girato in gran parte proprio nel centro della città del Carroccio. Diverse produzioni, di vario genere con budget e respiro differenti, nel giro di pochi mesi e chissà che Legnano possa davvero diventare la location ideale anche per altri film per grande e piccolo schermo.