"Cuccioli buttati vivi nel cassonetto", ma è una bufala

L'appello corre su Facebook e raggiunge in poco tempo molti gruppi del Legnanese, ma in realtà si tratta di un falso

I cuccioli (Foto Facebook)

I cuccioli (Foto Facebook)

Nerviano (Milano), 7 novembre 2016 - Buttati nel cassonetto come spazzatura e trovati ancora vivi, ma è una bufala. Le bacheche dei social network del Legnanese in queste ore si sono riempite di un appello accorato per l'adozione di alcuni cuccioli che qualcuno avrebbe buttato in un cassonetto. Abbiamo chiesto spiegazioni seguendo le tracce dei numeri telefonici che seguivano l'appello, scoprendo però che si tratta di una bufala. Gli stessi cuccioli, a seconda del post pubblicato, sarebbero stati buttati prima a Busto Garolfo, poi a Nerviano, infine ad Arluno. Paesi in cui la vicenda non si è mai consumata. Un appello falso sullo stile della catena di Sant'Antonio. christian.sormani@ilgiorno.net